Previsioni Euro/Dollaro settimana 20-24 maggio 2013

Pubblicato da: MatteoT - il: 20-05-2013 15:50

Come di consueto, eccoci qui anche in questo lunedì pomeriggio, 20 maggio 2013, per definire una panoramica su quello che è il rapporto tra l’euro ed il dollaro americano. Quella terminata lo scorso venerdì, 17 maggio 2013, è stata la seconda settimana di caduta della valuta unica europea nei confronti del “biglietto verde”, autentico ed assoluto protagonista nel mercato valutario degli ultimi dieci giorni.

Economia 3

Cosa attendersi durante la settimana iniziata oggi? I supporti terranno e si aprirà la strada per un recupero, oppure assisteremo a nuovi ribassi? La giornata di oggi, giusto per fare un inciso, non sembra riservare grosse sorprese visto che il cambio EUR/USD quota, alle 15.45, 1,2846 dopo un massimo di seduta a 1,2878 ed un minimi a 1,2819.

Iniziamo l’analisi dai principali market mover della settimana partendo dai prezzi della produzione in Germania, dove gli analisti prevedono un aumento dello 0,1% rispetto al calo dello 0,2% di marzo 2013. Mercoledì, poi, andrà in scena il summit economico dell’Ue con tutti i leader dell’Unione Europea che si incontreranno a Bruxelles per discutere delle questioni di bilancio e politiche per questa seconda metà del 2013.

Come ogni summit, anche questo sarà sotto i riflettori non soltanto per le decisioni finali che verranno prese, ma anche e soprattutto per i commenti provenienti dai partecipanti. Giovedì, invece, sarà la volta del PMI del settore manifatturiero ed avremo dati da Francia (valore atteso 44.8), Germania (valore atteso 48.9), Zona Euro (valore atteso 47.1).

Ci sarà poi il tanto atteso discorso di Mario Draghi e l’IFO, ossia il sentiment principale delle aziende tedesche assieme allo Zew. L’IFO è sceso nel mese di aprile per il secondo mese consecutivo arrivando ad un valore di 104.4, per questo mese è invece attesa una lettura al 104.6.

Dagli Stati Uniti saranno particolarmente importanti le pubblicazioni sull’andamento del mercato immobiliare tra mercoledì e giovedì; gli analisti stimano un miglioramento delle condizioni, i dati confermeranno le prospettive?

Dal punto di vista tecnico i livelli chiave sono sostanzialmente gli stessi visti nella scorsa settimana. La seduta di lunedì scorso è iniziata al di sopra di 1,2960, ma rapidamente si è scesi tra 1,2840 e 1,2890. Interessante sarà verificare se il cambio sarà in grado di mettere assieme nuovi minimi, magari arrivando a giungere in area 1,2750.

Secondo le previsioni della Credit Agricole, la view sul cambio Euro/Dollaro rimane ribassista per questa settimana. Le prospettive dell’Eurozona sembrano concretizzare la possibilità di un prossimo intervento da parte della Banca Centrale Europea, per questo il discorso di Draghi previsto per il prossimo giovedì sarà sicuramente al centro dell’attenzione e dei dibattiti.

L’outlook del cambio Euro/Dollaro, dunque, rimane ribassista anche su un termine temporale più ampio secondo la banca che prevede che il cambio Euro/Dollaro possa scendere anche oltre il minimo di quest’anno.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
Fibo Group
Fibo Group OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com