Analisi Euro/Dollaro Americano 17 giugno 2013

Pubblicato da: MatteoT - il: 17-06-2013 15:34 Aggiornato il: 17-06-2013 15:35

Come di consueto, eccoci anche in questo lunedì 17 giugno 2013 a parlare dell’Euro/Dollaro americano ed, in particolare, ad analizzare come si è comportato nel corso della scorsa settimana e che, influenzato dai vari market mover dei prossimi giorni, potrà muoversi nelle prossime sedute del Forex.

Euro/dollaro

Il cambio per eccellenza del mercato valutario, per la quarta settimana consecutiva, ha chiuso in positivo arrivando a definire un nuovo massimo degli ultimi quattro mesi ed archiviando la debolezza e l’incertezza che ha gravato sulla moneta unica europea nella primavera 2013. Durante la scorsa settimana è stata importante la discussione della Corte Costituzionale tedesca in merito alla costituzionalità, o meno, del piano OMT anti-spread, ma queste analisi non hanno indebolito l’euro.

Preoccupante, invece, l’aumento dei rendimenti sui titoli di Stato in Italia e Spagna. Negli Stati Uniti, i dati riportati sono stati un mix, ma gli occhi sono tutti puntati all’incontro con la Federal Reserve previsto per mercoledì. Cosa succederà questa settimana? L’Eurozona vedrà la pubblicazione di market mover molto importanti, ma bisognerà attendere la giornata di domani per entrare nella fase cruciale.

I market mover

Si parte martedì con l’indice ZEW della Germania che, a maggio, è salito a 36,4 punti rispetto ai 36,3 di aprile. Per questo mese è atteso un ulteriore balzo in avanti con lettura attesa a 38,2 punti. Nella stessa giornata sarà pubblicata anche l’inflazione USA che si attende in crescita dello 0,2% a fronte di un + 0,1% del mese precedente.

Passiamo a mercoledì, quando tutti gli occhi saranno puntati sulla Federal Reserve che, tramite una conferenza stampa presieduta da Ben Bernanke con inizio alle 20.30 ora italiana, potrà decidere di definire importanti cambiamenti di politica monetaria a giugno. Sembra, però, più probabile che venga chiusa ogni possibilità di ulteriori acquisti, lasciando aperta la porta ad una exit strategy dal programma di Quantitative Easing.

Gli ultimi dati sul mercato del lavoro rimangono nella media e secondo alcuni analisti è possibile che il “tapering” venga annunciato a novembre. Un chiaro suggerimento riguardo alla riduzione del quantitative easing potrebbe mettere il turbo al dollaro. Mentre un leggero cambiamento di tono, verso una linea più dura potrebbe mantenere lo status quo del dollaro, nessun cambiamento sarebbe invece sentito come negativo per il corso del “greenback”.

L’ultima revisione delle previsioni trimestrali del FOMC ha visto un ribasso delle stime sulla crescita e sull’inflazione, mentre rimane ottimistico il tono riguardante l’occupazione e le attuali condizioni economiche. Chiudiamo, invece, con la seduta di giovedì dove verranno resi noti i dati PMI flash sull’Eurozona: il PMI manifatturiero, a maggio, è arrivato a 47,8 punti rispetto al 46,7 di aprile.

Aspetti tecnici

Nella scorsa settimana, il cambio EUR/USD ha aperto a 1,3160 per poi salire ed arrivare ad un massimo di 1,3390 e chiudendo a 1,3346. La linea di 1,34 ha funzionato molto bene da resistenza e soglia psicologica difficile da superare, anche se la resistenza più ostile in questo momento sembra 1,3350. Al ribasso, invece, cruciale la tenuta di 1,3250.

Le previsioni

Cosa aspettarci per le prossime sedute? Guardando un grafico daily si nota che il cambio sia all’interno di un trend di medio periodo rialzista avviato nel mese di maggio. Ma questa direzionalità rialzista potrà mantenersi tale anche in una settimana così ricca di avvenimenti macro economici e politici?

La pressione sull’Euro oggi sembra essere inferiore dopo l’intervento di Draghi. Dagli Stati Uniti, invece, i segnali continuano ad essere confusi, con un sali e scendi che aumenta la speculazione riguardo al possibile futuro della Fed. Nel complesso, la direzione della coppia sembra il ribasso, ma sarà la decisione del FOMC a deciderne le sorti.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com