Analisi tecnica Forex: i 3 migliori indicatori che devono essere usati

Pubblicato da: Luca M. - il: 05-08-2013 7:40 Aggiornato il: 14-09-2015 15:28

L’unico modo per riuscire a fare trading sul mercato dei cambi è di fare un po’ di analisi tecnica forex. L’analisi tecnica comporta la lettura di particolari indicatori forex in grado di proiettare alcuni movimenti di mercato in modo corretto. Ogni trader forex che non conosce e applica l’analisi tecnica forex è destinato a grandi perdite. L’analisi tecnica forex consente di guardare i fondamentali di mercato e di fare un controllo incrociato con la componente umana dando vita all’equazione forex in base alla quale i traders dovranno reagire ai movimenti del mercato. Guardando i grafici forex e gli indicatori forex sarà data una rappresentazione grafica di questi movimenti di mercato e poi, attraverso  la comprensione del comportamento umano, si può progettare gli scambi e capire in che direzione farli avvenire.

indicatori-Forex

Imparando l’analisi tecnica forex capirete che ci sono una serie di indicatori:  alcuni di questi sono le bande di Bollinger, l’oscillatore Stocastico, i relativi indici forza e le MACD. Sarebbe auspicabile utilizzare una combinazione di questi indicatori forex. I seguenti dettagli serviranno per aiutarvi a scegliere quale utilizzare nel tuo trading forex.

1. Bollinger Bands:  questi indicatori forex sono utilizzati per misurare il grado di volatilità del mercato. Due strategie vengono eseguite utilizzando questo indicatore: il rimbalzo Bollinger e la  Bollinger Squeeze. Nel rimbalzo, la premessa di base è che il prezzo di solito tende a tornare al centro delle bande. Logicamente, si esegue un ordine di acquisto quando il prezzo raggiunge il bordo inferiore delle Bollinger Band e un ordine di vendita quando il prezzo raggiunge la Banda di Bollinger superiore. La Squeeze, d’altra parte, di solito è usata per guidare sugli sblocchi.

2. Oscillatore Stocastico : questo indicatore forex è usato per indicare se il mercato è ipercomprato o ipervenduto. In uno di questi scenari, ci sono opportunità di vincere e ottenere profitti. In un mercato che è in ipercomprato le linee in movimento medie sono verso  70 ed è un buon momento per vendere. Al contrario, in un mercato che è ipervenduto e le linee di media mobile sono verso il basso 30, è il momento di comprare.

3.Relative Strength Index : altrimenti chiamato l’RSI. Anche questo indicatore indica un mercato ipercomprato o ipervenduto. I suoi limiti superiori e inferiori sono 80 e 20 rispettivamente. L’RSI è di solito utilizzato per cercare le tendenze del mercato. Quando un trend si sta formando, sarebbe bene inserire un commercio in un momento in cui la RSI è al di sotto o al di sopra 50.

Quali di questi strumenti di analisi tecnica forex si usa dipende dal tipo di trader e dalla sua strategia. Non c’è modo di entrare in un business redditizio a lungo termine senza l’analisi tecnica forex. L’analisi tecnica potrebbe essere molto difficile da fare per i nuovi operatori e  potrebbe richiedere un po’ di pratica. Persistenza e rapidità di pensiero sarebbe quello di cui si ha bisogno.

Articolo consigliato:  Indicatori Forex migliori: gli indicatori Trading più affidabili >>

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com