“Draghi e i suoi amici vogliono i vostri soldi”: parola di Pimco

Pubblicato da: MatteoT - il: 07-08-2012 10:22

Bill Gross, fondatore di Pimco (fondo azionario numero 1 al mondo) ci va giù pesante pubblicando un editoriale sul Financial Times dal titolo decisamente eloquente: “Draghi and friends just want your money”, ovvero Draghi e i suoi amici vogliono solo i vostri soldi.

“Pssst! Investitori, volete conoscere un segreto? Volete sapere cosa Angela Merkel (cancelliera tedesca), Francois Hollande (presidente francese), Christine Lagarde (direttore dell’Fmi) e Mario Draghi (presidente Bce) hanno in comune? Vogliono tutti i vostri soldi!“.

E’ stato un loro desiderio per anni – continua l’editoriale – ma voi investitori state resistendo, “puntando su asset a rendimenti negativi come quelli della Svizzera e della Germania e su un crescente numero di altri paesi che vengono considerati paradisi dell’Unione europea”. Ma loro vogliono che “voi siate meno frugali e che propendiate più verso il rischio. Vogliono che i vostri soldi sostituiscano i loro in Spagna, Italia e, ovviamente, in Grecia, e non aggiungono altro. Altri esempi, d’altronde, vi metterebbero in uno stato di allerta“.

“Investitori – pregano (Draghi e amici) – mostrateci i vostri soldi”. Insomma, secondo Gross il vero obiettivo della politica fiscale e monetaria dell’Unione europea è quello di convincere il settore privato a finanziare debiti che le autorità monetarie, per primi, sanno che da sole non riusciranno a ripianare.

Gli investitori, spiega Gross, vengono distratti da assegni del valore di centinaia di miliardi di euro (erogati a favore dei paesi più deboli) e dalle varie promesse che risaltano nei titoli dei giornali, ma dimenticano che il reale obiettivo di Draghi & company è quello di appropriarsi dei loro “trilioni”. Anche Hollande, che fa parte della sinistra francese, “riconosce che il settore privato è cruciale per la crescita, in futuro, dell’Unione europea”.

E c’è poi l’infanno della soglia del 7%; quello secondo cui, se i tassi non superano tale soglia, “i nuotatori possono ancora toccare sabbia”, come spiega Gross. E invece non è così, visto che “forse neanche il 4% (il riferimento è ai tassi italiani e spagnoli) non è superficiale in modo sufficiente”. D’altronde, “ai rendimenti correnti, ai tassi di crescita attuali e considerati i deficit, gli spread potrebbero aggiungere un 2-3% al rapporto debito/Pil di Italia e Spagna ogni anno”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo
AvaTrade
AvaTrade OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com