Derivati: il giudice di Milano condanna 4 banche al risarcimento. Sentenza storica

Pubblicato da: MatteoT - il: 19-12-2012 21:45

Oscar Magi, giudice di Milano, ha condannato oggi ad una pena pecuniaria di un milione di euro quattro importanti banche per la presunta truffa perpetuata al Comune di Milano nel 2005 sui derivati stipulati da Palazzo Marino. Si tratta di Deutsche Bank, Ubs, Jp Morgan e Depfa Bank.

Si conclude con una sentenza storica uno dei primi processi a livello internazionale che hanno affrontato la questione dei derivati, quegli strumenti finanziari che hanno generato la crisi economica in Usa con lo scoppio dei mutui subprime e che hanno messo sottosopra l’intero mondo.

Il giudice, oltre a dichiarare responsabili per la legge 231 del 2001 le quattro banche, ha condannato nove persone fisiche, tra manager ed ex degli istituti di credito, a pene comprese tra i sei mesi e gli otto mesi e 15 giorni. Tutte le condanne per i nove imputati sono con sospensione della pena, con il riconoscimento delle attenuanti generiche e con l’incapacità di contrattare per un anno con la pubblica amministrazione.

Per il procuratore aggiunto di Milano, Alfredo Robledo, che ha coordinato l’inchiesta, si tratta di una “sentenza storica perché è stato riconosciuto il principio fondamentale che ci deve essere trasparenza da parte delle banche nel contrattare con la pubblica amministrazione”.

Il giudice ha anche riconosciuto un risarcimento di 50 mila euro a carico dei nove imputati condannati a favore dell’associazione dei consumatori Adusbef, unica parte civile del processo. Quattro imputati, invece, tra cui un ex dirigente del Comune di Milano, un ex consulente e due manager di JP Morgan sono stati assolti.

Deutsche Bank rimane convinta di avere agito correttamente, come pure i suoi dipendenti. La banca intende, quindi, ricorrere in appello confidando in una risoluzione positiva del processo”. E’ quanto fa sapere l’istituto di credito in una nota diffusa dopo la decisione del giudice.

Anche Ubs annuncia il ricorso in appello, esprimendo “disappunto per il verdetto emesso oggi nei propri confronti e in quelli dei due dei propri dipendenti attualmente impiegati e di un ex dipendente nell’ambito del procedimento dinanzi al tribunale di Milano, sezione penale”. Ubs “ritiene – prosegue la nota – che la propria condotta e quella dei propri dipendenti siano state del tutto conformi alla legge. Ubs e le persone coinvolte perseguiranno con determinazione tutte le possibilità di appello”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com