Piazza Affari non guarda Finmeccanica e torna a salire

Pubblicato da: MatteoT - il: 12-02-2013 18:36

Con tutti i Paesi europei catalizzati sulle dimissioni di Papa Bendetto XVI, in Italia sono ancora gli scossoni finanziari e le procure a farla da padrone. Dopo Monte dei Paschi di Siena ed Eni ecco esplodere lo scandalo intorno a Finmeccanica, con gli arresti del presidente Orsi. Vicenda che, ovviamente, ha zavorrato il titolo, che è stato a lungo sospeso a Piazza Affari.

pronti contro termine

Piazza Affari, nonostante la vicenda Finmeccanica, se l’è cavata bene andando a chiudere sopra la parità con un progresso dello 0,69%. Positive anche le altre piazze europee: Francoforte è salita dello 0,35%, Parigi dello 0,99% e Londra dello 0,98%. Madrid è la migliore (+1,93%) con il presidente della Bce, Mario Draghi, che ha indicato segnali di miglioramento dell’economia spagnola.

Alla chiusura delle contrattazioni nel Vecchio Continente, non brilla Wall Street; il Dow Jones cresce di due decimi di punto e torna a lambire la soglia dei 14.000 punti, mentre lo S&P500 resta invariato in attesa del discorso di Barack Obama sullo stato del Paese.

Torniamo in casa nostra. A Milano molti occhi erano puntati su Rcs, dopo che il board ha annunciato ai sindacati di voler implementare un piano di ristrutturazione decisamente pesante: 800 esuberi e chiusura, o vendita, di una decina di periodici. In mezzo anche un cambio di sede.

Non hanno brillato nemmeno Ansaldo Sts, a causa di conti peggiori delle attese. In casa Pirelli, infine, il numero uno Marco Tronchetti Provera ha annunciato un nuovo piano industriale prima dell’estate e ha rassicurato sull’andamento del 2012, di gran lunga “migliore rispetto al 2011”.

Oggi era una giornata importante anche per il Tesoro, che collocava 8,5 miliardi di euro di Bot annuali. Domanda completamente saturata con tasso di collocamento che sale all’1,094%, contro lo 0,864% di gennaio 2013. Bene anche lo spread, che scende a quota 285 punti dopo un’apertura sui 300 pb. Il rendimento del Btp decennale sul mercato secondario, ora, è pari al 4,5%.

Anche la Spagna è andata sul mercato con 5,57 miliardi di titoli semestrali e annuali. I tassi sono scesi sul sei mesi, allo 0,859% da 0,888% del mese scorso e sono saliti sul dodici mesi, dall’1,548% di metà gennaio all’1,472%.

Dopo la chiusura di lunedì, positiva la Borsa di Tokyo che chiude con un ottimo + 1,94% sfiorando i massimi stabiliti nella scorsa settimana; la spinta, come sempre, arriva dalla nuova debolezza dello yen e dalla candidatura di Kuroda come governatore della BoJ, il quale ha specificato che una politica monetaria aggressiva può essere accettata per tutto il 2013 e dagli Usa è arrivato una sorta di “via libera” a questa politica.

Chiudiamo con le valute: euro positivo nei confronti del dollaro (sopra 1,34 per gran parte della seduta) e nei confronti dello yen. La moneta europea passa di mano a 1,3464 dollari. Euro/yen a 125,54 e dollaro/yen a 93,26.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com