Le Borse brindano sui dati dell’occupazione Usa

Pubblicato da: MatteoT - il: 08-03-2013 18:26

I dati economici positivi che sono arrivati dall’Asia e dagli Stati Uniti hanno rasserenato gli investitori che, così facendo, chiudono l’ultimo giorno di contrattazioni in positivo. Già nella mattinata il trend era stato anticipato da Tokyo, la cui Borsa ha chiuso ai livelli pre fallimento Lehman Brothers ed ha spinto al rialzo i listini europei.

Analisi tecnica Piazza Affari

La disoccupazione, negli Stati Uniti, è calata al 7,7% ai minimi da fine 2008 e, grazie a questo dato, è stata messa in secondo piano la delusione per la produzione industriale tedesca, non in linea con quanto si attendevano gli investitori.

Wall Street vede i volumi aumentare ed il Dow Jones fa segnare nuovi record, arrivando a pochi punti da 14.400. Positivo anche il Nasdaq, che guadagna lo 0,2%, e lo S&P500, che sale a quota 1.547 punti, vicino al suo massimo storico in area 1.565.

Molto positive anche le piazze del Vecchio Continente, con Parigi che segna un rialzo dell’1,22%, Londra dello 0,69% e Francoforte dello 0,59%. Continua ad allentarsi anche la pressione sullo spread, che oggi chiude a 305 punti base, in calo rispetto ai 311 visti ieri. Così facendo il rendimento del Btp decennale, sul mercato secondario, scende al 4,5% e fa brindare Milano che chiude la seduta con un + 1,61%, tornando ai livelli pre-elezioni.

Positivo l’intero comparto bancario, mentre tra i titoli industriali bene comprata Finmeccanica. L’annuncio del ritorno all’utile nel 2012 (per 12 milioni) e di un dividendo da 40 cent spinge Erg, mentre Telecom chiude in terreno positivo all’indomani della diffusione dei conti. Congelate invece Gemina e Atlantia, società della galassia Benetton, in attesa dei rispettivi cda sulla fusione. Vola Fiat premiata dagli acquisti dopo la sigla del contratto di lavoro.

Sul mercato valutario scivolone dell’euro che arriva a 1,298 dollari con il petrolio che perde quasi mezzo punto percentuale a 91,14 dollari al barile. In calo anche l’oro, che viene ora scambiato a 1.576,3 dollari l’oncia con una perdita dello 0,3%. A febbraio il metallo è sceso per il quinto mese consecutivo, il maggior ribasso dal 1997.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo
IG MARKETS
IG MARKETS OpinioniConto demo
XTrade
XTrade OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com