Le Borse rifiatano grazie all’Ocse

Pubblicato da: MatteoT - il: 28-03-2013 18:15

Commentare il mercato, nei giorni scorsi, era diventato addirittura monotono. Tutti gli occhi puntati sulle banche, caso Cipro, e sulla politica, empasse italiana. Oggi, finalmente, la direzionalità è stata generata da qualcosa d’altro. Ocse: grazie!! Dopo le vendite dei giorni scorsi, finalmente un pò di acquisti sui listini europei, anche se è sempre lo scenario ribassista a prevalere.

grafico

Pochi minuti fa Pierluigi Bersani è arrivato al Quirinale e, in questi secondi, starà riferendo a Napolitano di non avere una maggioranza solida ed affidabile per poter costruire un governo. Quale sarà il futuro in questo contesto? Difficile dirlo. Due le ipotesi: voto anticipato (con il rischio che la prossima volta sia il centrodestra a trovarsi nella stessa condizione del “Pd”) o governo del Presidente che possa, con una maggioranza ampliata, dar vita a 4/5 punti ed apportare quelle riforme necessarie al nostro Paese, tra cui la legge elettorale.

L’umore dei listini, oggi, è stato risollevato dall’Ocse, che ha espresso l’idea che la Banca centrale europea potrebbe tagliare ulteriormente il costo del denaro e ribadendo che nel G7, ad eccezione dell’Italia, la ripresa è iniziata. Buone notizie anche dal fronte obbligazionario con lo spread che, dopo essere arrivato a 360 punti base aggiornando i massimi da novembre, ritraccia e chiude a 345 punti, in leggero calo rispetto l’apertura.

Notizie interessanti arrivano anche da Cipro, dove oggi hanno riaperto, in un clima di tensione, le banche. Per i prossimi giorni, comunque, il governo ha deciso di mantenere delle restrizioni sui flussi di capitale e sulle operazioni bancarie: nell’isola sarà vietato l’uso di assegni e il prelievo massimo al bancomat sarà di 300 euro al giorno; le carte di credito potranno essere usate senza limitazioni a Cipro, mentre all’estero non si potranno spendere più di 5mila euro. E’ la prima volta in Europa che si introducono simili controlli valutari, per di più dopo un prelievo forzoso sui depositi oltre i 100mila euro. L’affermazione che a Cipro è stato “costruito” un Euro di Serie B è tutt’altro che lontana dalla realtà.

Passiamo ora al mercato azionario: Piazza Affari, dopo una seduta in altalena in cui è arrivata a guadagnare l’1% ha chiuso cedendo lo 0,1%. Si riprende, dopo lo scivolone di ieri, Telecom Italia. Nel resto del Vecchio continente i listini hanno ridotto i guadagni in sul finale di seduta con Londra che ha terminato in progresso dello 0,38%, mentre Francoforte ha chiuso sui livelli di ieri con un guadagno dello 0,08% e Parigi a +0,53%. Negli Stati Uniti, il Pil del quarto trimestre 2012 è stato rivisto al rialzo da +0,1% a +0,4%, ma sotto le attese di +0,5%.

Wall Street è in leggero rialzo con il Dow Jones che guadagna lo 0,2%. Il Nasdaq sale dello 0,1% e con lui lo S&P 500; quest’ultimo ha momentaneamente infranto il record storico registrato in chiusura di seduta. Meno di due ore dopo l’apertura ha raggiunto i 1.567,08 punti ma è comunque al di sotto del massimo di sempre intraday, fissato a 1.576,09 punti l’11 ottobre 2007.

Pesante, nella mattinata odierna, la Borsa di Tokyo: calo dell’1,26% a causa dei timori legati alla crescita dell’Eurozona. Netto calo anche per i listini cinesi, con lo Shangai che perde il 2,82% e lo Shenzhen che lascia sul terreno il 2,88%.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com