Mercati: si torna al risk-off?

Pubblicato da: MatteoT - il: 20-05-2013 16:00 Aggiornato il: 20-05-2013 16:01

Ultimamente abbiamo assistito a diversa direzionalità da parte dei mercati azionari e, più in generale, ad un miglioramento della situazione economica e politica europea, nonchè americana e giapponese. I fondamentali economici, però, non sono migliorati in modo altrettanto netto ed alla prima avvisaglia potrebbero riportare alla luce una nuova ondata si risk-off, magari già a partire da questa settimana.

Gann

Vediamo le previsioni di Mike Gallagher, CEO IDEAglobal, una compagnia di analisi e consulenza finanziaria. Le sue previsioni riguardano le obbligazioni, gli indici ed il valutario ed i dati che emergono sono a dir poco sorprendenti se contestualizzati in quello che stiamo vivendo nelle ultime settimane, vedasi soprattutto i nuovi massimi degli indici americani, tedeschi e giapponesi.

Obbligazioni
Più nello specifico, scrive la Gallagher alla Cnbc, si prevede che i tassi sui titoli a 10 anni in Spagna e Italia possano iniziare a muoversi al rialzo continuando fino all’ottobre del 2013. In questo periodo, secondo le analisi, assisteremo ad un trend rialzista di questi parametri valutativi così importanti: ci saranno correzioni e picchi, ma la direzione continuerà ad essere quella del rialzo.

Secondo il modello presentato da IDEAglobal, per la fine di ottobre i tassi sui titoli spagnoli e italiani saranno al rialzo di 100 punti base, ad un livello coerente con il nuovo atteggiamento col quale i mercati iniziano a guardare la stabilità europea. Di primaria importanza sono i rischi politici in Italia e le tensioni sociali in Spagna.

Il declino, guidato dai titoli spagnoli e italiani, porterà verso nuovi minimi anche in Bund tedeschi che viaggeranno a nuovi minimi entro la fine di giugno. Ad ottobre del 2013, secondo le stime, i tassi sui Bund rimarranno a 5 punti base.

Indici e valutario
Inoltre, secondo l’analisi, il pan-europeo Euro Stoxx 600 e l’indice tedesco DAX perderanno circa il 10% per la metà di luglio e, l’European Banking Index tornerà indietro al minimo dei 153 punti.

Cosa attendersi? Per la metà di luglio 2013 il cambio EUR/USD scenderà a 1,26 punti e piomberà ad 1,23 tra la fine di agosto e la fine di settembre.

Potrebbe esserci quindi la fine dell’effetto Draghi, che è riuscito a stabilizzare i mercati finanziari nell’agosto del 2012, quando il tasso di cambio tra l’euro ed il dollaro americano era arrivato a 1,21.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com