Marchionne: “100 milioni di dividendo nel 2011”

Pubblicato da: MatteoT - il: 01-04-2011 10:00 Aggiornato il: 31-03-2011 5:27

Il 2010 e’ stato per Fiat “un anno cruciale e decisivo” segnato dalla scissione di Industrial. Il Lingotto conferma i target per il 2011 e torna alla “sua vocazione originaria”, fare automobili. E per l’anno in corso l’obiettivo e’ salire al 51% di Chrysler. Di fronte all’assemblea degli azionisti, l’ad Sergio Marchionne si e’ detto “fiducioso” che gli obiettivi verranno rispettati.

In particolare, ha spiegato, i ricavi ammonteranno quest’anno a 37 miliardi, con la possibilita’ di superare i 100 dopo il 2014 per l’effetto dell’integrazione con Chrysler, mentre il risultato di gestione sara’ compreso tra 0,9 e 1,2 miliardi. La politica dei dividendi verra’ confermata e prevede “una distribuzione nell’ordine del 25% dell’utile netto consolidato ma con un pagamento minimo di 100 milioni di euro“.

Aprendo i lavori al Lingotto, il presidente John Elkann ha annunciato che da oggi Fiat si concentrera’ soltanto sulle auto e si e’ detto “molto speranzoso” per il futuro. “Negli anni – ha spiegato – la Fiat ha deciso di concentrarsi su meno mestieri, ma sul mondo. Con la decisione che avete preso l’anno scorso, la Fiat torna a fare automobili, solo automobili. Per fare automobili nel mondo di oggi, e’ importante cercare di affrontare questo con grande focalizzazione: farlo piu’ sul mercato e con piu’ prodotti”.

Marchionne ha lamentato il “forte” divario produttivo tra gli stabilimenti della Fiat in Italia e quelli all’estero. “Negli ultimi due anni – ha spiegato – i siti produttivi italiani hanno lavorato ben al di sotto della loro capacita’. L’utilizzo della rete italiana e’ al 54%. Se consideriamo la capacita’ tecnica, arriviamo solo al 37%”. Un divario forte dunque rispetto agli impianti in Europa i cui “parametri per misurare la saturazione si sono attestati rispettivamente al 126 e 78%”.

Buone le previsioni per il 2011: Fiat conta di aumentare la sua quota di mercato nel secondo semestre grazie al lancio di nuovi modelli. “Ci aspettiamo – ha detto l’ad – un miglioramento generale dei mercati, a eccezione di quello delle autovetture in Europa, la cui performance sara’ influenzata negativamente dai cali previsti in Italia e in Francia”. Ma, grazie anche al forte andamento di mercati emergenti come il Brasile, il Lingotto prevede una crescita e in Europa “Fiat professional si manterra’ tra i leader”.

Un’ultima battuta Marchionne l’ha riservata alla sede del quartier generale dell’azienda. “Non abbiamo deciso completamente niente e non c’e’ nessuna tempistica. Non e’ nella mia agenda“. John Elkann ha confermato questa posizione, aggiungendo che, comunque, “nulla cambierebbe per i lavoratori”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com