Steve Jobs: il regno di Apple

Pubblicato da: MatteoT - il: 06-10-2011 7:56

Dobbiamo registrare la chiusura di un’epoca: la morte di Steve Jobs, fondatore e genio della Apple, lascia numeri e record scolpiti nella storia, anche della finanza. “Matti ed affamati”, come disse lui davanti a centinaia di studenti, serve e rende.

Negli ultimi mesi, la Apple ha passato il tempo a contendersi con Exxon il titolo di società più ricca del pianeta; gara gatta di capitalizzazioni che oscillano ben oltre i 350 miliardi di dollari: più di tutte le banche dell’Euroa e poco meno del’Argentina.

Ma la cosa ancora più bella è che dal 12 dicembre del 1980 il titolo non ha mai smesso di crescere; ok gli alti e bassi, ma un trend continuo, costante ed impressionante nel tempo. Quotata a 22 dollari oggi ne vale oltre 15 volte tanto: 378.

E chi i titoli non li ha mai venduti, dagli esordi ha guadagnato ancora di più: un dollaro si è trasformato in 13.645 biglietti verdi. Nella sua storia a Wall Street, la società ha creato 300 milionari in pochi secondi

In uno degli anni più neri per l’economia globale, Apple ha migliorato ancora la sua performance. Con il bilancio chiuso il 25 settembre, per avere i numeri definitivi sull’intero anno fiscale bisognerà aspettare dicembre, ma già alle fine dei nove mesi i conti erano da record: 78 miliardi di ricavi, 19,3 miliardi di utili netti.

Per la prima volta Apple è entrata nella top ten della classifica dei marchi stilata da Interbrand. La Mela morsicata vale oggi 33 miliardi di dollari con un balzo del 58% che ha proiettato Cupertino all’ottavo posto.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com