Crisi Mediaset: Berlusconi annuncia tagli

Pubblicato da: MatteoT - il: 12-03-2012 15:05

La crisi sta spaventando con decisione Mediaset; in queste ore sono le banche d’affari a bocciare il biscione in attesa del 21 marzo quando verranno pubblicati i conti della società. I numeri metteranno in evidenza un utile netto minore a quello fatto registrare nel 2010.

Il motivo? La crisi e, soprattutto, la raccolta pubblicitaria scesa e tornata ai livelli di 10 anni fa. E oggi la bocciatura del titolo è arrivata da Nomura che ha abbassato il target price a 1,95 euro da 2,2 euro (rating reduce), ben al di sotto dell’attuale valore delle azioni a 2,126 euro: il titolo non scende sotto quota 2 euro in chiusura di seduta dal 19 dicembre 2011.

Venerdì scorso, S&P research ha ribadito la raccomandazione “strong sell” sulle azioni con prezzo obiettivo a 1,60 euro, sottolineando che la debolezza dei conti non dovrebbe riguardare solo gli utili, ma anche i ricavi in Italia 2 e in Spagna 3 e che Mediaset potrebbe sorprendere negativamente sul fronte dei margini ebitda, a causa dei costi legati ai canali digitali e alle attività della pay tv che non crescono alla velocità sperata.

Ad avere una visione negativa su Mediaset è anche Goldman Sachs, che ha ribadito raccomandazione “sell” sul titolo, con target price a 2,3 euro da 2,23. E in merito a possibili tagli futuri Berlusconi, ha spiegato che prima dell’estate la società ha “lanciato una manovra che porterà in tre anni a un risparmio di 250 milioni l’anno, senza toccare il prodotto”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com