Fiat Industrial: Marchionne conferma i target

Pubblicato da: MatteoT - il: 07-04-2012 21:11

Sergio Marchionne, ad di Fiat, ha recitato il de profundis per lo stabilimento Irisbus di Avellino: “Non torneremo a produrre autobus. Non utilizzeremo più quello stabilimento, lavoriamo con il governo per trovare un altro utilizzo che non sia nostro”.

L’ad di Iveco, Alfredo Altavilla, ha ricordato che il 24 dicembre 2011 è stato raggiunto un accordo per la Cig straordinaria per la cessazione di attività: “Stiamo lavorando con il ministero dello Sviluppo Economico per trovare una soluzione che possa garantire la continuità occupazionale“, ha spiegato.

Fiat Industrial, che comprende Iveco e Cnh e la divisione Irisbus, ha chiuso il 2011 con un utile della gestione ordinaria di 1,6 miliardi e un utile netto di 700 milioni di euro. Nel 2010 la gestione aveva un attivo di un miliardo e il netto era di 378 milioni di euro. Il fatturato è di 24,2 miliardi.

E la buona salute del gruppo è stata confermata anche dal nuovo lancio di Magelys Pro, ultimo nato della famiglia di veicoli del segmento specialistico degli autobus Gran Turismo. Marchionne ha confermato i target “ambiziosi” per il 2012, aggiungendo che il gruppo continua a cercare un’alleanza “più probabile nel settore dei veicoli commerciali che in quello delle macchine agricole“. Il titolo a Piazza Affari ha avuto un balzo del 4,77% a 8,135 euro.

Quanto al futuro della sede madre, Marchionne ha detto: “C’è un mondo là fuori da analizzare per capire quello che conviene di più a Fiat Industrial. Abbiamo tempo e spazio. Le aziende vanno bene, non diamo adito a nuove speculazioni”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com