Forex: come gestire la volatilità?

Pubblicato da: MatteoT - il: 04-12-2012 22:31 Aggiornato il: 04-12-2012 18:39

Dopo aver descritto, brevemente, cosa si intende per trend e range ed aver visto che i mercati, per il 75% del loro tempo, sono in fase di range, è bene specificare come un trader può interfacciarsi con la volatilità. Questo aspetto, che rende difficoltosa l’operatività dei novelli del mercato valutario, è senza dubbio un fattore di criticità, ma come sappiamo non può essere eliminato. E’ quindi fondamentale andare a comprenderlo per limitare le perdite e sfruttarlo, portando buoni risultati a nostro favore.

La volatilità, quindi, è uno di quei fattori che un trader vincente deve imparare a gestire. Comprendendo come utilizzare questo strumento diventerà più facile anticipare i cambi di direzione del mercato ed impostare strategie a proprio vantaggio.

Un primo aspetto da tenere in considerazione fa riferimento al fatto che nel Forex ci sono dei momenti migliori per aprire dei trade su certi cross valutari rispetto ad altri. Il mercato valutario, dalle 23 di domenica alle 23 del venerdì, è aperto 24 ore su 24 e, per questo, c’è la possibilità di scegliere il momento migliore in cui operare. Questo, ovviamente, non dovrà essere quello più comodo per noi, ma dovrà essere quello “più comodo per i mercati”.

In base al fuso orario GMT 0 di Londra, possiamo definire le aperture delle quattro principali piazze:
– Londra dalle 8.00 alle 16.00;
– New York dalle 13.00 alle 21.00;
– Sidney dalle 22.00 alle 6.00;
– Tokyo dalle 24.00 alle 8.00.

Questi orari sono di fondamentale importanza perchè le aperture e le chiusure di queste piazze sono dei momenti in cui c’è forte volatilità; sono quindi momenti ottimi per impostare strategie di trading direzionali e, come tali, devono essere considerati ed inglobati nella propria strategia.

Il mercato in assoluto più volatile è quello di Londra che, per posizione, offre una finestra di contrattazione contemporanea a ciascuno di questi quattro mercati identificati. A Londra, infatti, si può operare mentre sta aprende New York e mentre sta chiudendo Tokyo.

Questi orari, inoltre, devono essere considerati in termini di spread. Soprattutto per chi attua strategie di scalping, dove le commissioni devono essere ridotte al minimo per poter operare con profitto sfruttando minime oscillazioni del mercato, è bene ricordare che gli spread migliori, e quindi minori, li si avranno nel momento in cui entrambe le piazze che decidiamo di contrattare sono aperte.

Se decidiamo di aprire una posizione sul cross di valute EUR/USD (euro contro dollaro americano), potremo avere spread migliori tra le 13.00 e le 15.00 (ora GMT0 di Londra), piuttosto che alle 3 di mattina, quando entrambe le piazze sono chiuse.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com