Le attese per l’azionario 2013: tutte le previsioni

Pubblicato da: MatteoT - il: 15-01-2013 16:18

Gli analisti di Mediobanca hanno presentato quest’oggi uno studio sul mercato azionario, nel quale sono contenute anche le indicazioni relative ai titoli da mettere in portafoglio a Piazza Affari. Gli esperti dell’istituto di Piazzetta Cuccia consigliano una certa cautela in merito al ciclo degli utili per azione per quest’anno, spiegando che la liquidità continuerà a continuare i mercati.

L’analisi degli indici PMI nelle principali economie mondiali continuano a rimanere ovunque sotto pressione, tanto che l’indice PMI globale evidenzia che su scala mondiale si è in una fase di contrazione della produzione dall’estate scorsa. Gli esperti segnalano che in Europa sono state rivisitate verso il basso le stime sugli utili per azione e restano ancora da valutare le prospettive per la stagione futura.

Per Mediobanca malgrado il recente rally delle Borse, molti titoli sono rimasti vulnerabili e si tratta in particolare dei ciclici industriali e dei bancari. Gli analisti ritengono che il ciclo degli utili per azione dovrebbe registrare una nuova accelerazione per offrire un sostegno ai prezzi, ma al momento questa ipotesi è ritenuta poco probabile.

Dando uno sguardo ai cicli a lungo termine del mercato azionario, Mediobanca crede che siamo probabilmente a due terzi del periodo ribassista. Il ciclo corrente dovrebbe avere termine tra il 2015 e il 2020 e per lo sviluppo dell’ultima fase del periodo ribassista vengono avanzate due ipotesi.

Una è quella di una naturale deflazione in conseguenza della risoluzione del problema del debito a livello mondiale e l’altra è quella di una spinta inflazionistica derivante dalle politiche monetarie delle Banche Centrali.

I portafogli dovranno essere quindi costruiti in base alle modalità con cui queste due opzioni potranno interagire. In questa direzione, la scelta dei titoli operata da mediobanca muove in direzione di quelle equity stories che offrano un margine di sicurezza in riferimento alla capacità di guadagno e/o multpli di valutazione.

Gli analisti ritengono che le migliori opportunità per la prima metà dell’anno siano offerte dagli industriali italiani e dai bancari europei. Nella prima categoria di titoli rientrano alcune blue chips quali ENI, Fiat Industrial e Lottomatica, mentre tra le società a piccola e media capitalizzazione la preferenza viene accordata a Recordati e a El Towers. Tra i meno preferiti troviamo invece Saipem, Tenaris e Finmeccanica tra i titoli a grande capitalizzazione, mentre tra le small cap si segnala Piaggio.

Spostando l’attenzione sui titoli del settore bancario a livello europeo, gli analisti di Mediobanca suggeriscono di mantenere un atteggiamento improntato alla cautela, dopo l’annuncio del piano anti-spread da parte della BCE e il rialzo del 40% messo a segno dall’indice Eurostoxx 600 Banks. Il settore è ora scambiato a premio rispetto al patrimonio netto tangibile, evento che non accadeva dalla metà del 2011.

Per il momento gli esperti considerano prematuro mettere in preventivo il rischio di ulteriori revisioni al ribasso degli utili per azione delle banche dopo i risultati del quarto trimestre dello scorso anno.

In generale Mediobanca vede ancora le banche italiane in una buona posizione e nell’ambito del portafoglio raccomandato il consiglio è di mantenere posizioni rialziste su Unicredit, oltre che su altri titoli euroei quali Hsbc e Barclays, mentre il suggerimento è di andare short su Santander, Credit Agricole e Nordea.

Fonte: trend-online.com

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com