Piazza Affari in ribasso con crollo Eni, Draghi non entusiasma

Pubblicato da: MatteoT - il: 07-02-2013 18:10

Altra seduta negativa per Piazza Affari che, dopo una mattinata interessante con rialzi fino a soglia 17.800 punti, ha virato in territorio negativo in seguito alle parole di Mario Draghi per lasciare sul terreno l’1,22%. Negativo anche l’all-Share a – 1,39%. Scambiati volumi per un controvalore di 2,8 miliardi di euro.

Mario Draghi, nella riunione iniziata alle 14.30, ha confermato che i tassi Bce rimangono invariati allo 0,75% affermando che non ci saranno altre manovre sui tassi prima del 2014. Il presidente della Bce, poi, ha confermato che è prevista una ripresa per la seconda metà del 2013 e che l’inflazione è in decellerazione.

Il trend positivo della mattinata, di cui aveva beneficiato anche Piazza Affari, si è interrotto nel pomeriggio a causa del ritracciamento iniziale degli indici americani e del crollo di Eni; il titolo più pesante in termini di capitalizzazione all’interno del Ftse-Mib, con quasi il 15% di peso, è scivolato dopo l’uscita di indiscrezioni secondo cui l’Ad, Paolo Scaroni, sarebbe indagato dalla procura di Milano con l’ipotesi di reato di corruzione nell’ambito di un’inchiesta che riguarda Saipem e gli affari in Algeria.

E’ stato un pomeriggio sull’ottovolante per Piazza Affari. Nel primo pomeriggio, ai mercati è piaciuto il discorso di Draghi e in particolare la conferma della liquidità e della stabilità del contesto economico. Tuttavia, Wall Street prima e la notizia di indagini giudiziarie su Eni poi hanno fatto invertire la rotta dei listini” commenta un trader.

A peggiorare la situazione nel tardo pomeriggio anche un allargamento della forbice Btp-Bund: lo spread ha superato i 300 punti base, i massimi da fine dicembre, in rialzo di 7 punti dalla chiusura di ieri.

Fra i bancari prosegue la corsa di Monte Paschi di Siena, che fa registrare un + 4,08% a fine seduta. Nella conferenza di oggi, il commissario straordinario Viola, ha rassicurato tutti affermando che: “Non ci sono più Santorini. Abbiamo concluso l’analisi del portafoglio finanziario”

Le notizie giudiziarie che riguardano Eni e Scaroni, non intaccano il rally di SAIPEM (+5,26%). Stamani il gruppo ha reso noto che, alle 18,00 in una conference call aggiornerà la comunità finanziaria sulle previsioni per l’esercizio 2013 dopo che, da novembre ad oggi, ha acquisito contratti per 3,2 miliardi di euro, di cui 1,4 miliardi nel solo mese di dicembre.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
Fibo Group
Fibo Group OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com