Indicatore RSI: come utilizzarlo per fare trading nel Forex

Pubblicato da: Trader - il: 05-01-2016 11:30 Aggiornato il: 09-02-2016 8:48

L’indicatore RSI è un’indicatore utilizzato da molti trader, non solo nel trading Forex ma anche negli altri mercati di investimento. In questa sezione vi spiegheremo come adottare l’indicatore RSI in contemporanea con le altre strategie di Forex o anche con le strategie scalping adatte a tutti i trader.

Fare trading nel mercato forex così come in qualsiasi altro mercato finanziario senza l’ausilio di una buona strategia per il trading, equivale a condannare a perdita certa il vostro capitale.

Per questo motivo diventa di vitale importanza l’utilizzo di una solida strategia di trading, testata nel tempo e che si basa su strumenti dell’analisi tecnica affidabili. Proprio per questo motivo andremo a trattare in questo articolo uno degli strumenti dell’analisi tecnica più utilizzato dai trader di tutto il mondo. Stiamo parlando dell’indicatore RSI, uno strumento capace di generare segnali molto affidabili e che risulta essere anche molto duttile.

L’indicatore RSI può essere infatti utilizzato sia da solo o ancora meglio, affiancato ad altri indicatori od oscillatori dell’analisi tecnica.

Infatti, indipendentemente dall’indicatore o oscillatore dell’analisi tecnica che utilizzate, è sempre meglio confermare i segnali di vendita o acquisto ottenuti, attraverso altri strumenti dell’analisi tecnica. Più conferme si ottengono da diversi strumenti dell’analisi tecnica, maggiori saranno le probabilità che poi tale segnale risulti essere veritiero e non invece un banale falso segnale. Andiamo perciò a spiegare nel dettaglio come utilizzare l’indicatore RSI per fare trading nel mercato Forex.

Che cos’è l’indicatore RSI

L’indicatore RSI è uno strumento dell’analisi tecnica che rientra nella categoria degli oscillatori. I cosiddetti oscillatori sono tutti gli indicatori dell’analisi tecnica che oscillano (da qui il nome) attorno a dei valori prefissati. A seconda dell’oscillazione dell’indicatore, si ottengono dei segnali di acquisto o di vendita. Normalmente gli oscillatori dell’analisi tecnica vengono applicati non direttamente sul grafico finanziario, come invece per esempio accade per le medie mobile, strumento dell’analisi tecnica utilissimo. In caso non sappiate cosa sia una media mobile o non l’abbiate mai utilizzata, vi consigliamo vivamente di controllare il nostro articolo proprio a riguardo sul come utilizzare una media mobile per il trading nel Forex.

Tornando a noi: gli oscillatori dell’analisi tecnica non vengono applicati ad un grafico, bensì vengono applicati in un piccolo grafico a parte di solito posto al di sotto del grafico principale. Potete vedere un esempio di grafico finanziario con applicato l’indicatore RSI proprio nell’immagine qui sotto.

indicatore-RSI-esempio

L’indicatore RSI, spesso chiamato oscillatore RSI, è uno strumento dell’analisi tecnica molto affidabile, ideato e creato da John Welles Wilder nel 1978. Come potete ben capire, se un indicatore creato oltre 40 anni fa viene oggigiorno ancora utilizzato e apprezzato dalla maggior parte dei traders a livello mondiale, significa che sicuramente si tratta di un ottimo strumento dell’analisi tecnica.

Non ci dilungheremo a trattare tutto il calcolo matematico che si cela dietro l’indicatore RSI, anche perché lo scopo di questo articolo è quello di mostrarvi il funzionamento dell’indicatore RSI in una strategia per il trading nel mercato Forex. Dopotutto l’indicatore RSI può essere aggiunto ad un qualsiasi grafico tramite un semplice click di mouse, dato che tutti i servizi di grafici online dispongono di questo indicatore tra gli strumenti dell’analisi tecnica a disposizione del trader.

Come guadagnare pips con le strategie di trading forex utilizzando l’indicatore RSI

Andiamo adesso a vedere come utilizzare l’indicatore RSI per ottenere dei segnali di trading. Specifichiamo fin da subito che l’utilizzo principale dell’indicatore RSI in ogni strategia Forex, è quello di individuare le fasi di ipercomprato e le fasi di ipervenduto. Queste fasi sono molto importanti in un mercato finanziario, poiché possono simboleggiare una possibile inversione di trend (da rialzista a ribassista, o da ribassista a rialzista) nel grafico corrente.

L’indicatore RSI viene impostato automaticamente con il periodo standard di 14 sessioni di mercato.  In caso di trading a breve termine, come per esempio lo scalping nel mercato Forex, vi conviene abbassare il periodo preso in considerazione a 9. Viceversa, in caso di trading a lungo termine, vi conviene innalzare il periodo preso in considerazione a 22. Ovviamente siete liberi di modificare il periodo dell’indicatore RSI a vostro piacimento, ma nella maggior parte dei casi questi valori andranno più che bene a seconda del vostro stile di trading.

I valori attorno a cui l’indicatore RSI oscilla sono i valori di 0 e 100.  Andiamo adesso a vedere come interpretare le oscillazioni dell’indicatore RSI tramite l’immagine successiva.

utilizzo-indicatore-RSI-grafico

  • Zona di ipercomprato: si tratta di quelle fasi di mercato in cui un certo asset viene scambiato al di sopra del suo reale valore di mercato. Un asset con il prezzo gonfiato è destinato a scendere prima o poi e a ritornare intorno al suo valore reale. Quando l’indicatore RSI si trova al di sopra del valore di 70, significa che ci troviamo in una zona di ipercomprato. Bisogna perciò porre attenzione ai movimenti successivi dei prezzi, perché molto probabilmente avverrà un ribasso.
  • Zona di ipervenduto: si tratta di quelle fasi di mercato in cui un certo asset viene scambiato al di sotto del suo reale valore di mercato. Un asset con il suo valore “deprezzato” è destinato a salire prima o poi e a ritornare intorno al suo valore reale. Quando l’indicatore RSI si trova al di sotto del valore di 30, significa che ci troviamo in una zona di ipervenduto. Bisogna quindi porre attenzione ai movimenti successivi dei prezzi, perché molto probabilmente avverrà presto un rialzo.

Perciò bisogna sempre tenere sotto controllo l’indicatore RSI. Quando l’indicatore RSI taglia in rialzo la linea del valore 70, come già detto, ci avverte che stiamo entrando in una fase di ipercomprato. Viceversa, quando l’indicatore RSI taglia in ribasso la linea del valore 30, ci sta avvertendo che stiamo entrando in una fase di ipervenduto. Quando l’indicatore RSI tornerà poi nella parte centrale del suo grafico (quindi al di sotto della linea di 70 e al di sopra della linea di 30), significa che i prezzi di un asset si stanno muovendo verso il loro valore reale.

Altro valore importante dell’indicatore RSI da tenere sotto controllo è la linea del valore 50, che si trova esattamente a metà tra i due punti tra cui oscilla l’indicatore RSI. Quando l’indicatore RSI taglia la linea centrale del valore 50 bisogna porre attenzione ai futuri movimenti del prezzo. Un taglio verso il basso potrebbe indicare un avvicinamento ad una fase di ipervenduto, un taglio verso l’alto un avvicinamento ad una fase di ipercomprato. Insomma, la linea centrale del valore 50 può essere utilizzata come metodo per avere una visione generale dell’andamento dei prezzi e del mercato.

Indicatore RSI e divergenze

Un altro ottimo metodo tramite il quale è possibile utilizzare l’indicatore RSI in una strategia per il mercato Forex, è proprio quello di sfruttare le divergenze che si vengono a creare tra l’indicatore RSI ed il grafico dei prezzi di un asset. Le divergenze possono essere riscontrate in quasi tutti gli indicatori ed oscillatori dell’analisi tecnica. Una divergenza avviene quando i prezzi sul grafico si muovono in una certa direzione (per esempio rialzo), mentre l’indicatore (o oscillatore) dell’analisi tecnica applicato al grafico si muove nella direzione opposta (per esempio ribasso).

Le divergenze segnalano la possibilità di un inversione di trend, sono quindi segnali da considerare attentamente prima di aprire una posizione nel mercato del Forex.  Andiamo quindi a vedere alcuni esempi di divergenze tra indicatore RSI e grafico dei prezzi, così da riuscire a riconoscerle in futuro:

divergenza-bullish-indicaotre-rsi

  • Divergenza Bullish: una divergenza di questo tipo, mostrata nell’immagine qui sopra, avviene quando vi è un ribasso nei prezzi sul grafico (“Lower Low in Prices” sul grafico) mentre nell’indicatore RSI è in corso un rialzo (“Higher Low in RSI” sul grafico). Quando avviene una divergenza bullish, si ottiene un segnale di possibile inversione del trend ribassista in corso. In pratica, vi è la possibilità che il trend ribassista si trasformi in un trend rialzista.

divergenza-bearish-indicatore-rsi

  • Divergenza Bearish: una divergenza di questo tipo, mostrata nell’immagine qui sopra, avviene quando vi è un rialzo nei prezzi sul grafico (“Higher High in Prices” sul grafico) mentre nell’indicatore RSI è in corso un ribasso (“Lower High in RSI” sul grafico). Quando avviene una divergenza bearish, si ottiene un segnali di possibile inversione del trend ribassista in corso. In pratica, vi è la possibilità che il trend rialzista si trasformi in un trend ribassista.

In caso di divergenze, vi consigliamo di controllare sempre il grafico tramite altri strumenti dell’analisi tecnica per avere la conferma della divergenza e della futura inversione di trend. Saper riconoscere in anticipo un inversione del trend in corso, può permettervi di aprire una posizione nella giusta direzione dei prezzi e portarvi a guadagnare ottimi profitti nel mercato del Forex. Ecco perché risulta fondamentale esseri più che sicuri che la divergenza non sia un falso segnale, ed utilizzare quindi magari un altro indicatore per averne la conferma.

Conclusioni

L’indicatore RSI risulta essere un ottimo oscillatore dell’analisi tecnica, ma vogliamo ricordarvi che seppur sia un indicatore apprezzato da tutti i trader del mondo, rimane pur sempre un indicatore dell’analisi tecnica. Ovvero non è uno strumento perfetto e infallibile, anzi.

Come tutti gli strumenti dell’analisi tecnica è soggetto a falsi segnali. Per questo motivo vi consigliamo di utilizzarlo in accoppiata con altri indicatori dell’analisi tecnica.

Vi rimandiamo perciò alla nostra pagina dedicata alle migliori strategie Forex, dove potrete trovare varie strategie a cui potrete comodamente applicare anche l’indicatore RSI. Ricordate infine di utilizzare solo e soltanto broker Forex & CFD regolamentati ed autorizzati che potrete trovare nella nostra sezione e di seguito riportati:

 

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo
IG MARKETS
IG MARKETS OpinioniConto demo
XTrade
XTrade OpinioniConto demo
Plus500
Plus500 OpinioniConto demo
AvaTrade
AvaTrade OpinioniConto demo
FXTM
FXTM OpinioniConto demo
BDSwiss
BDSwiss OpinioniConto demo
Kawase
Kawase OpinioniConto demo
Trade.com
Trade.com OpinioniConto demo
Alvexo
Alvexo OpinioniConto demo
24FX
24FX OpinioniConto demo
LCG
LCG OpinioniConto demo
iFOREX
iFOREX OpinioniConto demo
Easy Forex
Easy Forex OpinioniConto demo
FXGM
FXGM OpinioniConto demo
XM – XeMarkets.com
XM – XeMarkets.com OpinioniConto demo
IronFX
IronFX OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo
IG MARKETS
IG MARKETS OpinioniConto demo
XTrade
XTrade OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

Trader

Lascia un commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com