Trading Forex: previsioni per il 2016

Pubblicato da: TommasoP - il: 23-12-2015 13:29

Quanti sono i trader che si chiedono oggi quali sono le previsioni sul mercato del trading Forex per il 2016? Ma sopratutto da cosa dipende il rialzo o il ribasso? In questo nostro post, andremo a spiegarvi quali sono i fattori principali che influenzano il mercato forex, ma sopratutto quei fattori che influenzano l’andamento delle valute.

Non abbiamo potuto fare una valutazione prima di oggi 23 Dicembre 2015, poiché abbiamo voluto attendere ed essere sicuri che il mercato Forex, sulla scia delle ultime settimane dell’anno, fosse veramente tranquillo e di conseguenza oggi è possibile fare delle previsioni a lunga scadenza individuando le possibili previsioni per il 2016 in relazione al mercato Forex. Vediamo di cosa si tratta.

previsioni-forex-2016

Trading Forex: previsione 2016 ed impatto del dollaro USA

Possiamo dirvi con certezza che i maggiori rischi legasti al mercato finanziario in particolare ed all’economia mondiale in generale, per tutto il primo periodo del nuovo anno, saranno legati al rialzo del dollaro USA e di conseguenza alla politica monetaria della Federal Reserve. Quietista prevede per il 2016 nuovi rialzi per i tassi di interesse suddivisi in 4 trance.

Questo rialzo avrà conseguenze nei seguenti mercati:

  • mercato forex;
  • mercato azionario;
  • materie prime.

Saranno infatti i primi mesi dell’anno a fare da traino per il dollaro americano, periodo che si potrebbe anche prolungare solo fino a quando i membri della FED continueranno a sostenere la politica di normalizzazione.

Vi è poi un altro fattore molto importante; nel 2016 il FOMC sarà composto da membri definiti falchi in misura maggiore rispetto al 2015 e questo è un fattore molto importante che giova sulla continuazione della normalizzazione. Anche i consumi, dovrebbero crescere nel primo trimestre del 2016 secondo quanto affermato dagli economisti americani.

Questo fattore frena invece nella seconda metà dell’anno, inquanto i rialzi dei tassi di interesse ed il dollaro forte potrebbero costringere nuovamente la FED a rallentare la stretta monetaria.

Trading Forex 2016 e previsioni sulla base della politica monetaria

Continueranno invece per tutto il 2016 e sopratutto per il primo periodo dell’anno le divergenze di politica monetaria anche se i più ottimisti vedono una restrizione nella parte finale dell’anno. Questo è dovuto sopratutto al fatto che i rialzi dei tassi di interesse imposti dalla Federal Reserve daranno luogo a nuove divergenze di politica monetaria. Per tanto tutto il 2016 sarà all’insegna della riduzione del sostegno monetario da parte della FED in un contesto in cui le altre banche centrali, al contrario mantengo se non ampliano i proprio piani di stimolo.

Lo scenario che si prospetta non sarà dei migliori; se la FED al momento sembra essere l’unica banca principale a predisporre un rialzo dei tassi di interesse per la maggior parte del 2016, gli investitori nei primi mesi del 2016 saranno impegnati a valutare quale sarà la prossima banca a seguire la FED o meglio ancora a capire quelle che saranno le mosse e valutare gli investimenti di conseguenza.

Attenzione però al fatto che questa speculazione potrebbe spingere ancora una volta il crollo delle materie prime e di conseguenza la crescita non sarà altro che lenta e debole indebolendo ulteriormente le economie di molti stati. Riteniamo un vantaggio la fine del ciclo di allentamento dell’economia a livello mondiale che potrà durare fino a quando la FED aumenta i tassi di interesse. Questo potrebbe evitare il caos sui mercati finanziari.

In definitiva, quelli che sono stati i trend dominanti per tutto il 2015 potrebbero continuare solo nei primi mesi dell’anno 2016 ma successivamente sono costretti ad invertire la rotta, causata dalle divergenze di politica monetaria adottate. Di riflesso la forza del dollaro USA potrebbe proseguire ma solo nella prima parte del 2016.

Trading Forex: quanto pesano le materie prime nel 2016

Purtroppo il prezzo delle materie prime potrebbero toccare i minimi storici già nei primi mesi del 2016 e proseguire a singhiozzo tra alti e bassi fino alla metà del 2016. Questo è conseguenza della crescita debole di alcune economie mondiali se non anche una valuta forte come il dollaro e l’aumento delle scorte di materie prime che non fanno altro che collassare i prezzi del petrolio portandoli anche a raggiungere i minimi storici degli ultimi 11 anni. I crolli delle materie prime sono legati anche al ritorno sul mercato internazionale per il commercio del petrolio da parte dello stato dell’IRAN.

Sappiamo anche che se il dollaro americano toccherà i massimi storici, per forza di cose il prezzo delle materie prime toccherà i minimi storici, con la conseguenza che il petrolio potrebbe essere scambiato anche al di sotto dei 30 $ al barile. Gli analisti più ottimisti credono però che questo non sia possibile, al contrario, invece, credono che entro gli ultimi giorni del 2015 il prezzo del petrolio potrebbe chiudere le contrattazioni vicino ai 40 $ al barile.

Pesa anche l’economia cinese la quale anche se si attende per il 2016 un aumento della domanda interna e di conseguenza un aumento dei prezzi dell’energia. Ad oggi posiamo prevedere, in base ai dati forniti dagli economisti, per il 2016 un ulteriore allentamento dell’economia e di conseguenza una svalutazione più ampia dello yuan cinese.

Possiamo dunque trarre le seguenti conclusioni:

  • la fine della discesa dei prezzi delle materie prime potrebbe influenzare le aspettative sulle valute Forex le quali sono legate alle materie prime;
  • si potrebbe optare per un cambiamento delle politiche monetarie sopratutto da parte dei paesi membri del G7 i quali potrebbero optare per la stabilizzazione dell’inflazione;
  • al contrario, un aumento dell’inflazione dovrebbe essere contenuto dalle banche centrali, poiché essendo il dollaro forte, non farebbe altro che ridurre il valore delle valute locali.

Previsioni 2016: trading Forex e ruolo della politica

Infine, l’ultimo aspetto che andremo ad analizzare in quest’articolo, in prospettiva del 2016 è la politica. Questa influenzerà lo scenario non solo sul mercato Forex ma anche sul mercato economico globale.

Se guardiamo un attimo ai fattori politici, il mondo nel 2016 sarà segnato da:

  • elezioni presidenziali negli Stati Uniti;
  • referendum del Regno Unito;
  • proseguimento della crisi immigrazione dell’Eurozona;
  • imprevedibilità della Russia;
  • possibilità di nuovi attentati da parte dell’ISIS.

Tra questi fattori, il più determinante per i mercati internazionali è quello relativo alle elezioni negli Stati Uniti del presidente che dovrà toccare la seconda metà del 2016 il quale potrebbe influenzare al ribasso il cambio euro-dollaro, seguito poi dal referendum inglese il quale avrà una conseguenza importante sulla sterlina.

ISIS, Russia e Crisi migratoria saranno invece di forte impatto per la moneta unica e per il suo ribasso.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

TommasoP

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com