Market Mover Euro: la lista dei più importanti

Pubblicato da: Trader - il: 04-08-2016 23:05

Nel trading forex l’euro è una delle valute più utilizzate, insieme al dollaro americano: ecco perché è importante seguire i market mover euro più importanti. Per chi non sapesse di che cosa stiamo parlando, i market mover sono delle notizie economiche/finanziarie, oppure dati macro economici, che vengono rilasciati giornalmente da diversi enti/autorità finanziarie, così come dagli stessi governi o banche nazionali.

Tramite i market mover si possono avere dati concreti riguardanti lo stato di salute dell’economia di una nazione; nel caso dell’euro, i market mover euro possono essere usati per controllare l’andamento dell’economia europea in generale, così come quelle dei singoli stati membri. Fare trading forex sfruttando i market mover è una delle strategie che viene più spesso utilizzata dai trader: infatti, i market movers spesso sono in grado di modificare l’andamento corrente del tasso di cambio di una coppia di valute.

La domanda però sporge spontanea: come si possono i riconoscere i market mover euro più importanti, ovvero quelli che davvero influenzano le coppie di valute relative all’euro? In questo nostro articolo vedremo di fare chiarezza su questo punto, elencando i principali market mover euro. Ricordiamoci però, che il trading forex avviene sempre con coppie di valute: dovete quindi tenere d’occhio anche i market mover dell’altra valuta. Se per esempio vogliamo fare trading forex con l’EUR/USD, dovremo tenere sott’occhio sia i market mover euro, sia i market mover per il dollaro americano.

Per quanto riguarda l’euro, i market mover euro più importanti riguardano i dati macro economici rilasicati a livello europeo e i dati macro economci delle seguenti nazioni, che rappresentano circa 3/4 del PIL dell’eurozona:

  • Germania
  • Francia
  • Italia
  • Spagna

I market mover euro più importanti da seguire sono:

  • Politica monetaria
  • Prezzi e inflazione
  • Fiducia e sentiment
  • PIL
  • Bilancia dei pagamenti

Per sfruttare i market mover euro per fare trading forex, è bene utilizzare un calendario economico. In pratica, un calendario economico ci fornisce data e orario di rilascio di tutti i market mover (dati macro economici, notizie finanziarie) che influenzano la valuta che ci interessa (nel nostro caso l’euro). Quando vogliamo aprire una posizione nel mercato del forex, è bene controllare il calendario economico: sapere quando vengono rilasciati certi market mover, può fare la differenza tra un’operazione in guadagno oppure una in perdita.

Il calendario economico ci facilita ulteriormente il compito, perché per ogni market mover rilasciato, oltre a data, orario, valuta che interessa, stima del dato, fornisce anche il livello di “influenza” che tale market mover ha sulla sua valuta. In questo modo i trader possono sempre sapere quali sono i market movere da seguire con attenzione, quali sono invece quelli che non hanno sufficiente influenza e possono essere tralasciati dall’analisi.

Market mover euro: Politica monetaria

Tutte le valute sono influenzate dalle politiche monetarie delle rispettive banche centrali. Nel caso dell’euro, stiamo parlando della Banca Centrale Europa (BCE), il cui Presidente è l’italiano Mario Draghi. I market mover euro relativi alla BCE sono i seguenti:

market_mover_euro_bce

Ogni volta che la BCE rilascia informazioni sulla propria politica monetaria, ovviamente l’euro ne risente, divenendo estremamente volatile. Infatti, dopo ogni riunione del consiglio della BCE, è prassi che si tenga una conferenza, di solito presieduta dal Presidente, Mario Draghi. Questo è il momento più importante da controllare: nella prima parte della conferenza vengono rilasciati i dati relativi alle decisioni intraprese dalla BCE; nella seconda parte invece, tocca ai giornalisti porre domande al Presidente della BCE.

Bisogna porre molta attenzione alle risposte fornite ai giornalisti, perché possono rivelare le future intenzioni di politica monetaria e le decisioni in merito ai tassi di interesse.

Market mover euro: Prezzi e inflazione

L’inflazione è uno dei principali fattori che influenza l’amndamento di una valuta, quindi il market mover euro relativo ai prezzi e l’inflazione deve essere sempre seguito. Per essere più precisi, questi sono i market mover euro riguardanti i prezzi e inflazione che dovete seguire:

market_mover_euro_inflazione

Di solito, i paesi con alti livelli di finalzione vedono la propria moneta deprezzarsi; inoltre, un’inflazione troppo alta può spingere la banca centrale ad alzare i tassi di interesse, nel tentativo di controllarla. Il market mover euro principale riguardante l’inflazione dell’Eurozona è il CPI – Consumer Price Index. Questo indicatore calcola il prezzo di un gruppo di beni che una famiglia media tende ad acquistare.

I trader seguono la “versione core” del CPI, che nel calcolo esclude però i prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari. Ovviamente alla base dell’esclusione un motivo c’è: i prezzi dell’energia e degli alimenti tendono ad essere molto volatili, poiché possono essere influenzati da squilibri temporanei tra domanda ed offerta, così come da fattori completamente casuali, come il meteo. Includere l’energia e gli alimenti, andrebbe a distorcere il risultato reale dell’indice dei prezzi al consumo.

Due settimane prima del rilascio del CPI versione core, viene rilasciata una stima flash sui dati finali. In questo modo, il mercato sconta già una parte del risultato del CPI che verrà rilasciato: in altre parole, l’influenza di muovere le valute è leggermente inferiore del solito.

Market mover euro: Fiducia e sentiment

Tra i più importanti market mover euro non poteva mancare l’indice ZEW tedesco, che viene pubblicato con cadenza mensile.

market_mover_euro_sentiment

Tramite l’indice ZEW si possono valutare le condizioni economiche dell’Eurozona, basandosi sulla fiducia e il sentiment dell’economia. Lo ZEW tedesco si tratta di un sondaggio che chiede ad un campione di 350 esperti finanziari dove vedranno l’economia europea in un orizzonte temporale di medio termine. Le risposte che gli esperti possono fornire sono: positivo, nessun cambiamento, negativo.

In tal modo, grazie alle risposte semplificate in tre sole distinte possibilità, l’indice ZEW permette di riflettere l’opinione di esperti e analisti finanziari, mostrando se filtra ottimismo oppure pessimismo per l’andamento dell’euro e della sua economia.

  • Se il dato dell’indice ZEW supera le aspettative, avremo un effetto rialzista sull’euro.
  • Se il dato dell’indice ZEW è al di sotto delel aspettative, avremo un effetto ribassista sull’euro.

Un risultato dell’indice ZEW al di sopra dello zero indica ottimismo; mentre un numero inferiore allo zero indica pessimismo.

Market mover euro: PIL e crescita economica

Altro market mover euro in grado di influenzare l’andamento dell’euro è sicuramente la pubblicazione dei dati relativi alla crescita economica complessiva dell’Eurozona, ovvero il PIL (Prodotto Interno Lordo).

market_mover_euro_pil

Il PIL dell’Eurozona è la misura periodica del valore dei beni totale e dei servizi prodotti nell’area euro: ad un aumento del PIL corrisponde un’economia forte e sana, segnale positivo per l’euro. Nel caso opposto, avremo un segnale negativo per l’euro.

Il PIL dell’Eurozona viene calcolato e rilasciato dall’Eurostat con un report trimestrale, di solito due mesi dopo la fine del trimestre di riferimento. Dato che questo dato viene rilasciato con un ritardo così forte (ben due mesi), difficilmente riesce ad avere un forte impatto sull’andamento dell’euro. A meno che il risultato del PIL non superi, in bene o male, le aspettative degli analisti e investitori.

Market mover euro: Bilancia dei pagamenti

Ultimo market mover euro più importante da considerare è proprio la bilancia commerciale dell’Eurozona ed il saldo delle partite correnti.

market_mover_euro_bilancia_commerciale

Il saldo delle partite correnti rappresenta uno dei tre conti che compone la bilancia bilancia dei pagamenti di un paese: gli altri due conti sono il conto finanziario ed il conto capitale. Questo dato misura come una nazione interagisce con le altre tramite la bilancia commerciale ed i pagamenti. Si tratta di un report mensile, pubblicato normalmente durante la seconda settimana di ogni mese.

  • Un surplus delle partite correnti significa che vi è più capitale in entrate nel paese rispetto a quello in uscita: ciò è positivo per la valuta ed accade quando le esportazioni superano le importazioni.
  • Un defici delle partite correnti significa che vi è più capitale in uscita dal paese rispetto a quello in entrata: dato negativo per la valuta, che accade quando le importazioni superano le esportazioni.

Oltre a tenere sotto controllo la bilancia commerciale relativa all’Eurozona, è bene controllare anche la bilancia commerciale delle economie europee più importanti, come quella tedesca e quella francese.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
Fibo Group
Fibo Group OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

Trader

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com