Le candele nel mercato del Forex

Pubblicato da: MatteoT - il: 01-02-2012 18:27 Aggiornato il: 15-10-2013 15:29

Sono diversi i gruppi di dati che compongono un grafico del Forex. Il grafico è però molto intuitivo: sull’asse orizzontale troviamo il tempo mentre sull’asse verticale troviamo il prezzo.

A differenza di altri grafici, quello del forex è costituito da unità minime (dette pips) che ci consentono di conoscere i prezzi massimi, quelli minimi, quelli di apertura ed, infine, quelli di chiusura.

Il più utilizzato in assoluto è quello a candela: è nato a Giappone in epoca Edo ed è ampiamente utilizzato in tutto il globo. Inizialmente serviva al signor Honma per conoscere anticipatamente il prezzo del riso ed accumulare una fortuna.

Il nome, ovviamente, deriva dalla forma delle rappresentazioni: delle candele composte che mostrano il valore di apertura, di chiusura e da un minimo e massimo. Quando il tasso di chiusura è superiore al tasso di apertura, questa candela viene rappresentata da un colore bianco o verde, se invece accade il contrario, allora il colore della candela è nero o rosso.

La prima candela è denominata, in giapponese, “Yo-sen” , mentre la seconda è chiamata “In-sen”. Il grande vantaggio delle candele è che è possibile catturare in un colpo d’occhio quello che è successo nel mercato del forex.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com