Andamento del costo unitario medio e del costo marginale

costo unitario medioIl costo marginale é la risultante della sommatoria delle spese variabili necessarie per la produzione dell’ultima quantità del bene mentre il costo unitario medio tiene conto sia di spese fisse che di quelle variabili.

Entrambi, costo unitario medio e costo marginale, decrescono nel momento in cui aumenta la produzione quale effetto di varie cause come per esempio una migliore utilizzazione degli impianti a disposizione oppure la istituzione di turni di lavoro, ecc.

Questo processo però non é estensibile all’infinito, infatti raggiunto un certo livello ottimale anche il costo marginale inizierà a salire all’aumentare della produzione ad esempio per la penosità del lavoro che comporta una minore produttività oppure per il logorio delle macchine.

Possiamo quindi sostenere che l’andamento sia del costo marginale che del costo unitario medio sono similari ma non coincidono e per questo se analizziamo un singolo momento può sembrare che gli andamenti differiscano, quando non é così nel lungo periodo.

Nella fase iniziale, infatti, il costo marginale é inferiore al costo unitario medio visto che le spese fisse incidono solo sul secondo e non sul primo. Inoltre nel momento in cui il costo marginale inizia la tendenza alla crescita il costo unitario medio potrebbe invece abbassarsi perché per esempio ripartendosi le spese fisse nella nuova produzione, oltre che in quella vecchia, producono un abbassamento del costo medio.

Esiste un solo punto dove i due costi si eguagliano che viene chiamato punto di fuga o costo medio minimo ed é il prezzo minimo di vendita del prodotto realizzato. Infatti se il prezzo di mercato si trovasse ad andare sotto a tale prodotto l’impresa sarebbe obbligata a fuggire dal mercato, abbandonando la produzione di quel prodotto.

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com