Bilancia dei pagamenti italiana: come funziona.

bilancia dei pagamenti italia

La bilancia dei pagamenti del nostro paese si compone di tre parti: la prima è costituita dalle partite correnti (pagamenti effettuati o ricevuti per l’acquisto o la vendita di beni o di servizi; corrisponde perciò alla bilancia commerciale propriamente detta) ; la seconda parte è costituita dai movimenti di capitali; la terza, dai movimenti monetari. Le partite correnti, sommate con i movimenti di capitali, danno luogo al saldo della bilancia dei pagamenti, che può essere attivo, passivo, in pareggio: i movimenti monetari indicano il modo in cui il saldo è effettuato.

La nostra bilancia commerciale è stata sempre deficitaria, poiché il volume delle esportazioni non è mai giunto al livello del volume delle importazioni: il nostro paese è infatti povero di risorse e di materie prime, che è costrette ad acquistare dall’estero in notevole misura. Per contro, l’andamento della nostra bilancia dei pagamenti è stato quasi sempre soddisfacente; le voci che più contribuiscono a formare l’attivo sono le rimesse degli emigrati, le spese dei turisti stranieri, i noli.

Si è notato però che in questi ultimi tempi, sia per la concorrenza di altri paesi quali  Spagna o Grecia, sia per insufficienze e manchevolezze della organizzazione turistica, questa voce non ha più registrato gli introiti degli anni passati.

Inoltre, in questi ultimi anni, si è assistito ad una massiccia fuga di capitali italiani all’estero (specialmente nella vicina Svizzera), il che ha continuato a pesare negativamente sulla bilancia dei pagamenti alla sezione movimenti di capitali. Nel frattempo, si è aggravata anche la situazione della sezione partite correnti per il perdurare della crisi energetica e per la robusta domanda di beni del settore alimentare (specialmente bovini) per i quali siamo tributari verso l’estero.

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com