C.E.E. o M.E.C.

C.E.E. o M.E.C.

Con gli accordi di Roma del 25 marzo 1957, i rappresentanti ufficiali dei sei paesi aderenti alla C.E.C.A. hanno costituito la Comunità Economica Europea (C.E.E.) e l’Euratom: tali accordi sono entrati in vigore dal 1° gennaio 1958. Si è così dato vita ad una iniziativa tendente a favorire l’integrazione economica più completa tra i sei paesi aderenti, basata sullo spirito di collaborazione e di solidarietà internazionale.

La C.E.E. è anche comunemente conosciuta sotto il nome di M.E.C., ma è preferibile, ormai, usare il termine di C.E.E., poiché questo organismo è qualche cosa di più di un semplice mercato comune, ma costituisce la forma più avanzata di unione economica.

Fino al 1° gennaio 1962 (e cioè durante il primo periodo di attuazione della C.E.E.) si poteva parlare di M.E.C., in quanto, nella prima fase di esecuzione del piano, i paesi membri non avevano ancora incominciato ad adottare una politica economica comune; il che è avvenuto appunto a partire dalla data sopra citata.

Da quel preciso momento, la C.E.E. ha rappresentato la forma più evoluta di accordo economico internazionale, conosciuta sotto il nome di integrazione attiva.

La durata dell’accordo non ha limiti nel tempo: si è perciò previsto un periodo preliminare di 12 anni, suddiviso in tre tappe di quattro anni ciascuna, entro cui bisognava procedere con cautela e per gradi ma senza pentimenti è alla esecuzione degli accordi.

E-investimenti.com

E-investimenti.com