Costi fissi e costi variabili

costi fissi

Varie voci concorrono a formare il costo di produzione; esse si raggruppano in due importanti categorie, e cioè:

– costi fissi;

– costi variabili.

Per amore di verità, è bene tuttavia premettere che, in pratica, è tutt’altro che facile tale distinzione, specialmente per alcuni tipi di costi. I costi fissi sono rappresentati dalle spese per magazzini, macchine ed ogni tipo di capitale durevole; dagli interessi per l’investimento di tali capitali, nonché da un premio per il rischio del capitale investito, quote di ammortamento, spese di direzione e di amministrazione dell’impresa.

Tali costi si dicono fissi perché debbono essere sostenuti per l’organizzazione produttiva e, entro certi limiti, sono indipendenti dal variare della quantità prodotta. I costi variabili comprendono le spese sostenute per l’acquisto delle materie prime, per la retribuzione della mano d’opera e per il pagamento dei contributi assicurativi, dall’interesse per il capitale investito e da un premio per il rischio dello stesso. Si dicono variabili perché debbono, entro certi limiti, essere sostenuti in dipendenza della quantità prodotta dall’impresa.

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com