Credito – Nozioni e presupposti

credito nozioni

La più evoluta forma di scambio, ultima in ordine di tempo, è rappresentata dal credito, scambio di un bene presente contro la promessa di un bene futuro.

Sorto prima dell’introduzione della moneta, il credito ha tuttavia ricevuto da quest’ultima un notevole impulso; esso si basa sulla fiducia (« credere » in latino significa appunto « aver fiducia ») del creditore nella solvibilità del debitore ed anche nelle leggi dello a protezione del credito.

Poiché il credito consiste, sostanzialmente, in uno scambio, sia pure dilazionato nel tempo, è naturale che il suo presupposto sia lo stesso che già vedemmo parlando dello scambio e cioè una differenza nell’utilità marginale comparata dei due beni da scambiare, nel senso che ciascuno scambista attribuisca al bene che riceve un’utilità marginale superiore a quella del bene che cede.

Poiché nel credito lo scambio avviene fra una ricchezza presente ed una futura, si potrebbe obiettare che nessuno attribuisce alla ricchezza futura un’utilità maggiore di una ricchezza presente; il che è vero, ma è anche vero che il grado di preferenza per le ricchezze presenti rispetto a quelle future è diverso da soggetto a soggetto.

Nessuno, certo, sarà disposto (a meno che non sia mosso da motivi extra-economici) a scambiare 100 euro attuali contro 100 futuri, ma può ben accadere che 100 euro oggi appaiano a Tizio più utili di 105 euro fra un anno, mentre, viceversa, per Caio i 105 euro futuri appaiano più utili dei 100 attuali.

In questo caso l’atto di credito sarà possibile e, come qualsiasi altro atto di scambio, risulterà conveniente per ambedue i soggetti.

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com