Distinzioni del credito

distinzioni del credito

Del credito si possono fare varie distinzioni.

Dal punto di vista della sua destinazione si può distinguere in:

a) credito produttivo, quando è concesso agli imprenditori, che impiegano la ricchezza mutuata per i bisogni della produzione (acquisto di macchinari, attrezzi, materie prime, ecc.) ;

b) credito consuntivo, quando è concesso a consumatori che impiegano la ricchezza mutuata per soddisfare bisogni personali o familiari che altrimenti rimarrebbero inappagati.

Avendo riguardo alla persona del debitore, il credito si distingue in:

a) credito pubblico, quando il debitore è lo Stato od altro ente pubblico minore (Comune, Provincia) che vi ricorrono come a fonte di entrate straordinarie;

b) credito privato , quando il debitore è una persona, fisica o giuridica, di diritto privato.

Dal punto di vista dei soggetti che intervengono nel rapporto, il credito può essere:

a) credito diretto, quando il rapporto si costituisce direttamente fra mutuante (risparmiatore) e mutuatario (imprenditore o consumatore), senza intermediari;

b) credito indiretto, quando fra coloro che dispongono di capitali e coloro che li domandano si interpone un intermediario (che, di regola, è un istituto bancario) che prende a credito dai primi per poi concedere prestiti ai secondi.

Per quanto concerne la scadenza, infine, il credito può essere:

a) a scadenza determinata, che può andare da pochi giorni (breve scadenza) ad alcuni mesi (media scadenza) sino a molti anni (lunga scadenza);

b) a scadenza indeterminata, quando non è fissato il termine per la controprestazione, come avviene, ad esempio, per i titoli del debito pubblico irredimibile, per i quali lo Stato si obbliga a corrispondere un interesse annuo, ma non stabilisce un termine per il rimborso.

E-investimenti.com

E-investimenti.com