Il << Serpente >> Monetario Europeo

monetario europeo

Tra i problemi affrontati dalla C.E.E. vi è anche quello chiamato « piano Werner » (dal nome del rappresentante lussemburghese che lo ha patrocinato) : tale piano prevede una integrazione per tappe dell’Europa fino a farne una unità unica con una sola moneta. Il processo doveva realizzarsi in 10 anni (1970-1980), ma è ora gravemente compromesso dalla crisi del sistema di pagamenti internazionali.

Abbiamo già osservato come abbiano reagito i paesi all’annuncio della inconvertibilità ufficiale del dollaro. Di fronte alla sovrimposta doganale del 10%, i paesi della C.E.E. eccepiscono che ciò non è previsto dagli accordi per il G.A.T.T. a cui gli U.S.A. sono tenuti ed ottengono, in una riunione del Club dei Dieci del dicembre 1971, l’abolizione di tale dazio e la fissazione del prezzo dell’oro a 38 dollari l’oncia (prezzo, questo, come ben sappiamo, molto lontano dalle quotazioni del mercato libero). Tra di loro, i paesi procedono poi alla creazione del serpente, cioè di un accordo in base al quale le monete della C.E.E. dovranno fluttuare insieme entro margini più ristretti (1,20%) rispetto a quelli generalmente emessi dal F.M.I. per le altre valute (1,50% iniziale, fino al 4,50510 nel dicembre 1971).

Ma la storia del serpente appare più una catena di insuccessi che di successi. Esso incomincia a funzionare nell’aprile 1972 e nel maggio vi entrano alcuni paesi del Nord (Gran Bretagna, Danimarca, Norvegia) ; sembra un ritorno, almeno parziale, ai cambi fissi. Ma già nel giugno 1972, per una violenta crisi monetaria, la Gran Bretagna esce dal serpente e la sterlina diviene fluttuante. Nel febbraio 1973 esce anche la lira, un anno dopo il franco francese (che ritornerà il 10 luglio 1975 in ottemperanza alla politica di Parigi che punti al ritorno di tassi di cambio stabili).

Se si pensa che i rapporti di cambio non sono soltanto tra le singole monete dei paesi della C.E.E. e il dollaro, ma anche all’interno della Comunità tra di esse, si ha un’idea dell’estrema instabilità del sistema. Solo i paesi del Benelux adottano, tra loro e nei confronti degli altri paesi, una politica monetaria univoca. L’integrazione economica europea appare gravemente compromessa: la « guerra del vino » della Francia all’Italia , il divieto francese alla Svizzera per l’entrata della moneta elvetica nel serpente, la riduzione del bilancio comunitario chiesto dalla Germania non sono che alcuni episodi di questa crisi.

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com