Manovra del saggio di sconto

manovra del saggio di scontoLe banche di credito ordinario, come già è stato accennato, effettuano operazioni attive ma diminuiscono la propria riserva liquida. Quando esse temono che la propria liquidità sia compromessa, sono costrette a loro volta a scontare gli effetti presso la banca centrale: quest’ultima compie l’operazione trattenendo un saggio di sconto che di regola è inferiore a quello percepito dalle banche ordinarie nei confronti dei privati possessori di cambiali.

In tempi normali, è perciò consentito alle banche di credito ordinario di realizzare un guadagno risultante dalla differenza tra il saggio di sconto percepito e quello subito. Se, tuttavia, il medio circolante si gonfia e compaiono all’orizzonte economico seri pericoli di inflazione creditizia, la banca centrale eleva il saggio di sconto, costringendo con tale manovra le banche minori a rialzare il proprio: i possessori di cambiali, perciò, richiederanno con minore frequenza lo sconto delle proprie cambiali, perché il più elevato saggio di sconto consiglierà l’attesa, nella maggior parte dei casi, della scadenza del titolo.

Infatti, colui che presenta una cambiale allo sconto deve tenere conto del rapporto intercorrente tra il saggio di sconto e il saggio dei profitti: egli avrà convenienza allo sconto nella misura in cui l’impiego della somma ottenuta prima della scadenza ancorché diminuita del saggio di sconto assicuri un profitto superiore al saggio stesso.

La manovra del saggio di sconto è stata altamente magnificata e ritenuta il mezzo classico di controllo da parte della banca centrale nei confronti delle banche minori. Tale strumento ebbe tuttavia maggiore applicazione ed efficacia ai tempi del Gold Standard: i correttivi automatici del sistema erano già di per sé in grado di arginare il movimento inflazionistico e la manovra del saggio di sconto completava l’operazione. Nei sistemi attuali, essa è di portata molto modesta ed in genere si affianca ad altri provvedimenti ritenuti più idonei.

E-investimenti.com

E-investimenti.com