Ordinamento bancario italiano

Ordinamento bancario italianoCon la legge del 1862 già menzionata l’emissione di biglietti convertibili in oro fu riservata alla sola Banca d’Italia, a cui venne affidato il compito di concerto con gli organi governativi di vigilare sulla stabilità monetaria.

Il regime giuridico della Banca d’Italia è regolato dalla legge 12 marzo 1936. In quell’anno, le 300.000 azioni da L. 1.000 nominative ciascuna furono rimborsate ai soci e trasformate in 300.000 quote di partecipazione dell’importo di L. 1.000 nominative ciascuna. Tali quote furono acquistate dall’Istituto delle Casse di Risparmio italiane nella misura del 61,80%, dalle maggiori banche per il 23% e per la parte rimanente dagli istituti assicurativi e di previdenza.

Dichiarata istituto di diritto pubblico, la Banca d’Italia venne posta sotto il controllo del Ministero del Tesoro e si stabilirono per legge le operazioni che le erano permesse e quelle che le erano vietate: tra le operazioni attive, le è proibito lo sconto mentre è ammesso il risconto, cioè lo sconto indiretto, nonché le anticipazioni su titoli di Stato o garantiti dallo Stato.

Secondo la legge del 1927, la Banca d’Italia era obbligata a mantenere una riserva in oro e divise estere non inferiore al 40% dell’ammontare dei biglietti in circolazione: tale obbligo fu poi sospeso nel 1938.

Dal 1926 allo scoppio della guerra mondiale si assiste frattanto ad una fortissima concentrazione bancaria: entro tale periodo, le imprese bancarie passarono infatti da circa 4.000 a poco più di 1.300.

Verso la fine degli anni ’60 del 1900, la struttura creditizia italiana si presentava nel seguente modo:

al vertice, la Banca d’Italia, istituto centrale di emissione, di diritto pubblico, non nazionalizzata, ma sotto il controllo del Tesoro;

– poi, altri cinque istituti di diritto pubblico, banche di credito ordinario, che sono:

a) Istituto S. Paolo di Torino;

b) Banca Nazionale del Lavoro;

c) Monte dei Paschi di Siena;

d) Banco di Napoli;

e) Banco di Sicilia,

Piú, un istituto sorto in quegli anni ed operante in Sardegna: il Credito Industriale Sardo (C.I.S.) ;

– quindi, tre banche di interesse nazionale, aventi almeno trenta filiali nel territorio italiano:

a) Banco di Roma;

b) Credito Italiano;

c) Banca Commerciale Italiana;

— seguono banche minori di Credito ordinario, come il Banco di Novara, la Banca Passadore, la Banca Galleani, ecc…;

— dunque, le Casse di Risparmio, le Casse Rurali, le Banche Popolari, i Monti di Pegno, istituti con finalità spiccatamente sociali;

— infine poi gli istituti che effettuano operazioni a medio e a lungo termine:

a) Istituti di Credito fondiario;

b) Istituti di Credito edilizio;

c) Consorzio di Credito per le opere pubbliche;

d) Istituto di Credito per le opere di pubblica utilità;

e) Istituto di Credito navale;

f) Istituto di Credito per il lavoro italiano all’estero;

g) Istituti di Credito agrario

Tali istituti vengono sovente indicati col nome di enti finanziari, dizione questa molto ampia che abbraccia un largo numero di organismi.

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com