Organizzazione della C.E.E.

Organizzazione della C.E.E.

Per assicurare il funzionamento della C.E.E. sono stati istituiti i seguenti organi:

1. Commissione Europea, composta di 9 membri a cui è demandata la vigilanza sull’applicazione delle clausole del Trattato da parte degli Stati aderenti;

2. Consiglio dei Ministri, formato dai rappresentanti degli Stati membri, che può prendere decisioni;

3. Parlamento Europeo, composto di 142 membri appartenenti ai sei paesi aderenti, che esercita un controllo di carattere politico;

4. Corte di Giustizia, formata da 7 giudici e 2 avvocati generali, che tutela l’applicazione del diritto nell’esecuzione delle clausole del Trattato;

5. Comitato Economico e Sociale, formato dai rappresentanti delle categorie economiche e produttive degli Stati membri, che ha compiti consultivi.

Dipendono inoltre dalla C.E.E. i seguenti istituti:

1. Banca Europea per gli Investimenti, che esplica la sua attività particolarmente a favore delle zone sottosviluppate, finanziando i progetti di sviluppo che possono avere interesse comune per gli Stati membri; i prestiti possono essere concessi sia direttamente ai paesi aderenti sia alle imprese private o pubbliche che abbiano ottenuto la garanzia da parte dello Stato nel quale esse operano;

2. Fondo Sociale Europeo, che contribuisce per il 50% alla qualificazione professionale dei lavoratori degli Stati membri ed inoltre alla loro sistemazione nei nuovi centri di lavoro, assicurando lo stesso livello di retribuzione nei casi in cui i lavoratori non siano pienamente occupati;

3. Fondo di Orientamento e di Garanzia per l’Agricoltura, che promuove lo sviluppo e l’industrializzazione delle agricolture dei sei paesi;

4. Fondo Europeo di Sviluppo, che finanzia gli investimenti in quei paesi in via di sviluppo (18 paesi dell’Africa) che hanno chiesto di essere associati alla C.E.E..

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com