Situazione attuale

grafico

Si moltiplicano gli incontri per la costruzione di un nuovo sistema internazionale di pagamenti, ma il ritorno ai cambi fissi incontrerebbe troppe difficoltà. Innanzitutto, la crisi mondiale che ha investito i vari paesi ne ha reso le economie così diverse le une dalle altre, così instabili che appare vano qualsiasi tentativo di istituire rapporti meno precari.

Enormi sono i problemi sollevati dalla crisi: quello della disoccupazione, dovuta a ristrutturazioni, a caduta della domanda, a mancanza di investimenti (a questo proposito si ricordino la fuga dei capitali all’estero, la mancanza di fiducia) ; il problema dell’equilibrio della bilancia dei pagamenti, reso sempre più precario dall’aumento del prezzo del petrolio. Di fronte a questi problemi, quello della stabilità dei cambi può rimanere in ombra.

Inoltre, non è ancora concluso il « gioco » altalenante tra il dollaro e l’oro. Nel settembre 1975, mentre scriviamo, il dollaro ha ripreso a salire, mentre, sul mercato libero, l’oro è disceso a 130 dollari l’oncia. L’economia U.S.A. registra segni di ripresa e la bilancia dei pagamenti è ritornata in attivo. Le esportazioni delle merci sono di nuovo superiori alle importazioni grazie ad una politica protettiva, alla riduzione dei consumi, al controllo dei salari e all’aumento della produttività (tuttavia, la disoccupazione cresce all’interno).

Un contributo determinante è stato dato dall’aumento del prezzo del petrolio, che ha reso sfruttabili giacimenti in territorio americano che per il passato erano considerati non economici. Gli acquisti di greggio oggi si ripagano in dollari, anche perché i dollari, al contrario dell’oro, fruttano un interesse (per questa ragione si era preferito, a suo tempo, il Gold Exchange Standard al Gold Bullion Standard).

Dalla rivalutazione del dollaro l’Europa si attende un aumento della domanda americana di merci europee: e gli U.S.A. ripropongono al mondo il dollaro come moneta cardine del sistema monetario internazionale.

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com