Italia? Il mercato peggiore in cui investire

Pubblicato da: MatteoT - il: 15-02-2013 15:00 Aggiornato il: 12-09-2013 12:31

Come saranno i futuri trent’anni dell’azionario? Sicuramente positivi, almeno secondo il report stilato da Credit Suisse, ma non in Italia, dove l’investimento azionario non sembra poter essere competitivo e conveniente come in altri Stati dell’Europa. Nei prossimi 30 anni, secondo quanto affermato dall’istituto elvetico, dall’azionario dobbiamo attenderci un rendimento medio del 3-4%.

Il dato del Credit Suisse Global Investment Returns Yearbook 2013 si confronta con il tasso di ritorno da investimento nel debito fisso pari all’1%.

Tornando al nostro Paese, chi avrebbe investito nell’azionario italiano tra il 1900 ed il 2012 avrebbe avuto un rendimento annuo decisamente scarso e pari all’1,8%; performance peggiore solo per le obbligazioni, che dal 1900 ad oggi arrivano ad avere un rendimento negativo dell’1,6% per i bond privati e del 3,6% per i titoli pubblici.

Secondo la ricerca, effettuata in collaborazione con la London Business School, l’investimento azionario negli Stati Uniti nello stesso periodo avrebbe garantito un rendimento annuo del 6,3%, in Inghilterra del 5,2%, ed in Francia e Germania di poco superiori al 3%. I migliori sono i mercati di Sudafrica e l’Australia con un corposo +7,3%.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com