Buoni Fruttiferi Postali 2017: consigli e rendimenti. Conviene comprare?

Pubblicato da: TommasoP - il: 21-02-2017 9:36

Molto spesso ci è capitato di fare i conto con possibili investimenti. In questi casi, sono molti gli investitori, non hanno la minima idea in quale settore convenga investire. Quindi che fare?

Oggi in questa guida, approfondiremo un tema particolare, i Buoni Fruttiferi Postali 2017.

Questi a nostro avviso rimangono sempre uno degli investimenti più sicuri e redditizi, almeno se si considera solo il mercato Italiano.

Molti esperti di finanza, infatti, non considerano nemmeno più i Buoni Fruttiferi Postali 2017 di Poste Italiane un investimento a causa del loro rendimento, ma solo un modo intelligente per risparmiare soldi. Questi infatti, riescono a garantire almeno il capitale versato e gli interessi pattuiti al momento della stipula del contratto.

Ovviamente questo cambia in basa al tipo di Buono Postale che si acquista. Sono considerati migliori di altri come investimenti, in quanto non  hanno problemi e incertezze in merito, rispetto magari a quelle che sono le caratteristiche di altri istituti di credito italiani.

A tal proposito, consigliamo sempre di controllare quali sono le Banche italiane più sicure in Italia, prima di affidargli il denaro.

buono-fruttifero-postale

Investire in buoni fruttiferi postali 2017: conviene?

Purtroppo non tutti gli analisti considerano il 2017 come un anno ottimo per investire. Infatti, per questi, il 2017 porterà gli stessi problemi di tutti questi ultimi anni. La maggior parte delle grandi economie mondiali che stentano nella ripresa compresa l’Italia, con il costo del denaro sempre ai minimi storici, porteranno i piccoli investitori italiani a fare investimenti sicuri sui beni rifugio.

Quindi quale meglio settore n se non l’oro, l’argento o addirittura i diamanti per mettere al sicuro il vostro capitale? Molti invece considerano anche come beni rifugio i Titoli di Stato, l’arte, pietre preziose e appunto anche i Buoni Postali.

Di seguito vi spiegheremo come investire nei beni rifugio con il trading online e le migliori piattaforme.

Buono fruttifero postale ordinario: conviene?

Per molti anni italiani hanno investito in questa forma di titoli per altro garantiti dallo Stato Italiano. Ma è veramente conveniente, puntare ancora sui Titoli di Stato Italiani?

Teniamo a precisare che molti considerano ancora Poste Italiane come un ente pubblico, ma va precisato che questa oggi è una SPA, ovvero una Società per Azioni.

Ma non vi preoccupate, perchè per i vostri investimenti, non cambierà nulla!

I Buoni Postali continueranno ad essere emessi sempre e comunque dalla Cassa deposito e Prestiti e per tanto i Buoni Fruttiferi Postali continuano ad essere garantiti dallo Stato per un importo illimitato.

Come difendere i risparmi dal Bail In?

Quante volte abbiamo sentito parlare di investimenti da parte dei nonni, o dagli zii? Quante volte, questi non hanno fatto fortune con i Buoni Postali?

Anche se oggi non si ottengono rendimenti simili a quelli degli anni 70 o degli anni 60, possiamo sempre considerarli come degli ottimi investimenti per risparmiare soldi.

Questi non hanno nulla a che vedere con gli investimenti in azioni, con la differenza che qui non vi è il pericolo di perdere soldi.

Buoni fruttiferi postali 2017 e conto risparmio

I Buoni fruttiferi postali, possono essere ancora una volta definiti come una delle prime opzioni di risparmio. A prescindere dal tipo di investimento si intende fare, Poste italiane sembra essere ancora un’ottimo colosso per gli investimenti. Oggi possiamo infatti affermare che la società è in forte crescita ed è pronta ad emettere entro il prossimo Giugno, una buona dose di azioni di Poste italiane.

In questo modo, il risparmiatore che ha scelto di investire con questa società, potrà continuare a conservare i suoi soldi, investendoli in:

  • fondi comuni postali;
  • risparmiare con postepay evolution;
  • buoni fruttiferi postali minorenni;
  • buoni fruttiferi postali ordinari;
  • buoni fruttiferi postali dematerializzati;
  • buoni fruttiferi postali 3 anni plus.

Investire oggi in Buoni Fruttiferi Postali vuol dire avere la certezza di riprendersi tutti i soldi che sono stati investiti con l’aggiunta di interessi pattuiti.

Vi è da precisare però che oggi il costo del danaro è quasi a zero, con rendimenti dei BFP sceso. Questo processo ha provocato la ridefinizione stessa di investimento. Non possiamo infatti parlare più di investimento, ma lo possiamo considerare come un ottimo metodo per conservare e risparmiare i propri soldi.

Imposta di Bollo e tassazione Buoni Fruttiferi Postali: quanto si paga?

Oggi, vi è la possibilità di investire in Buoni Fruttiferi postali e godere di una tassazione agevolata, pari al 12,50% sui rendimenti.

A questo si aggiunge un imposta di bollo uguale agli altri redditi da capitale. Per tutti gli importi al di sotto dei € 5000 di valore non si paga! Mentre si paga una percentuale pari al 2 per mille o 0,2% per gli importi di valore superiore.

Azioni-Poste-Italiane

Rendimento Buoni Fruttiferi Postali 2017 consigli, conviene comprare?

Dopo oltre 12 mesi di crisi, finalmente sembra che inizino a trapelare delle notizie positive dalla Borsa italiana. Infatti, sembra che la maggior parte dei titoli FTSE MIB sono in forte ascesa. Di pari passo, anche le altre borse fanno segnare dei record, come ad esempio Wall Street che ha fatto segnare addirittura un +20.000 miliardi di capitalizzazione.

Questo lascia intendere una forte crescita non solo dell’economia europea ma anche di quella Italiana, anche se con forte ritardo rispetto agli altri paesi. A questo si deve anche aggiungere la ripresa del prezzo del petrolio.

Questi sono tutti fattori dunque che fanno ben sperare in una ripartenza dei tassi di interesse e quindi anche dei rendimenti dei Buoni Postali.

In questo caso, consigliamo quindi di diversificare il proprio portafoglio. Non solo si può investire in buoni fruttiferi postali, ma è possibile anche investire con il trading online sulle materi prime grazie al trading sulle commodities.

Per far questo, consigliamo di utilizzare uno dei broker regolamentati ed autorizzati da noi consigliati che vi permettono di gestire al meglio il vostro portfolio, evitando di incorrere in truffe.

Dove investire nel 2017?

I Buoni Postali Fruttiferi, abbiamo detto rimangono sempre un ottima chance per chi non vuole rischiare i propri risparmi. Anche se offrono degli interessi bassi, si ha la certezza di riprendere il capitale versato al 100%.

Questo in un momento di crisi come è appunto quello in cui stiamo vivendo, non è niente male. Se si esaminano anche i tassi di interesse, è facile comprendere come questi siano una opzione importante da prendere in considerazione per il proprio portafoglio titoli.

Al momento l’unico problema, la + grande incognita che viviamo riguarda i piccoli risparmiatori. Per questi consigliamo dunque un investimento nel 2017 in titoli Deutsche Bank.

azioni-poste-italiane-dipendenti

In un momento futuro i possibile crisi della Deutsche Bank si potrebbe far tornare i piccoli e grandi investitori a ripiegare su investimenti sicuri. Ecco dunque che i buoni fruttiferi postali, ma anche il trading online sembra meglio essere consigliato.

Quello che accadrà in seguito, non ci è dato saperlo, ma in base alle previsioni, alle analisi che possiamo condurre, possiamo affermare che questa oggi è la più grande banca tedesca ed europea. In caso di crisi vi potrebbe essere anche per questa un aiuto da parte delle altre banche.

Attenzione , perchè in questo casso, si parla di ingenti aiuti finanziari, come è successo già per le banche italiane. Questi sarebbero aiuti di grandissima importanza, senza i quali si rischierebbe di fallire. Ecco dunque che si tratta di grandi quantità di denaro.

Quindi, possiamo ben capire come gli aiuti finanziari, in un momento simile è molto importante.

Per tale motivo consigliamo oggi di investire in questi settori, proprio perché sarà lo stato e la BCE quindi a garantire indirettamente i proprio risparmi.

Infatti, se prendiamo in esame il caso Italiano, è possibile notare come nonostante le preoccupazioni per il 2017 su MPS, i capitali finanziari sono comunque al sicuro. Molti un po + diffidenti hanno optato per il trasferimento in altri conti, ma come abbiamo notato, con il salvataggio governativo, nessun contribuente ha perso i propri soldi.

Diverso invece il caso di Banca Etruria e company. Ecco dunque che l’investimento in buoni fruttiferi postali, meglio si adatta alle vostre condizioni.

Buoni fruttiferi postali 2017: pro e contro

Di seguito possiamo portare in analisi alcuni fattori dei buoni fruttiferi postali che ne determinano Pro e Contro.

Vantaggi buoni fruttiferi postali 

Tra i vantaggi, possiamo annoverare:

  • risparmio sicuro in quanto garantiti dallo Stato italiano;
  • è possibile riscuotere il capitale investito minimo ala scadenza con l’aggiunta di possibili interessi;
  • posseggono un rendimento certo, compresi ad esempio i buoni che sono considerati come parte del rendimento subordinato all’inflazione;
  • non hanno spese di deposito o di versamento;
  • vantano una tassazione agevolata, contabilizzata in 1/2 di altri strumenti finanziari privati;

In sostanza, comprando Buoni Fruttiferi Postali si va indirettamente a favorire l’economia italiana. Ma non solo, è possibile anche che questi siano maggiormente sicuri rispetto ad altri investimenti. Inoltre sono emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti la quale va a sovvenzionare tutte quelle opere pubbliche che servono allo sviluppo del Nostro paese e a creare posti di lavoro.

Se si desidera invece avere un rendimento maggiore, allora meglio deviare sul trading online, il quale riesce a garantire un payout massimo anche dell’80% del capitale investito per ogni trade chiuso in positivo.

Svantaggi buoni fruttiferi postali

Tra i diversi svantaggi dei buoni fruttiferi postali, possiamo invece ricordare:

  • bassi rendimenti, inquanto essendo che il costo del denaro è asso, prossimo allo zero, una moneta stabile, ecc., comporta per forza di cose un rendimento dei prodotti finanziari a tasso fisso come i Buoni Postali basso;
  • nel momento in cui si decide di investire in una diversificazione dei propri risparmi, i Buoni fruttiferi postali, possono essere si considerati, ma si deve tenere conto che i rendimenti non sono alti.
  • essendo considerati un investimento sicuro, non offrono rendimenti altissimi;
  • di recente Poste Italiane è stata condannata al risarcimento di alcuni buoni postali, che sono scaduti poco tempo fa’ a 30 anni, in quanto avevano versato solo la metà degli interessi.

Sulla base di questi eventi per altro considerati di natura straordinaria, non possiamo più considerare i buoni fruttiferi postali come un investimento ad alto rendimento.

I Buoni Fruttiferi Postali sono a rischio Bail In?

Sulla base di quelle che sono oggi le vicende politiche., molti lettori si chiedevano se il Bail In vale anche per i Buoni Postali e per tutti gli altri prodotti di Poste Italiane in generale.

In questo senso, si deve precisare che tutti i Buoni Fruttiferi Postali non sono soggetto a Bail In. Possiamo anche dire che in generale, nessun prodotto di Poste Italiane è soggetto a Bail In.

Questo perché Poste Italiane Spa, è una società particolare, di proprietà del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che detiene il 60% di azioni. Essendo dunque che Buoni Postali sono emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti, ovvero un ente statale di proprietà del Ministero dell’Economia e delle Finanza.

Infine vi possiamo dire che essendo i BFP sono garantiti dallo Stato non sono soggetti al bail In in quanto poste Italiane non utilizza i soldi di BancoPosta per fare prestiti.

Tutti i prestiti effettuati da Poste Italiane sono effettuati tramite intermediari di altre realtà di credito, come banche e finanziarie, italiane e straniere.

Perché conviene investire in Buoni Fruttiferi Postali 2017?

Infine, quindi possiamo concludere il nostro discorso in merito ai buoni fruttiferi postali che essi sono un investimento sicuro, per altro garantito dallo Stato.

Se poi si considera che le tasse da pagare sui BFP sono circa la metà di quelle pagate per altri investimenti finanziari, allora è possibile capire come essi permettono un investimento migliore rispetto ad altri.

Molto importante sono anche i punti di Poste Italiane. Questo infatti, permette a tutti di investire i propri risparmi con fiducia e di spostarsi in tutti i punti di Italia e riscuotere sempre e  comunque i buoni.

Infine, ricordiamo che i buoni fruttiferi postali possono essere sottoscritti anche a piccole rate. Essi permettono infatti di prevedere anche un piano di accumulo per esempio di 50 € al mese o anche meno o anche solo di 250 € all’anno.

Investire su azioni Poste Italiane con il trading online: perché conviene?

cfd-poste-italiane-trading

Al contrario, invece non li consigliamo perché hanno dei bassi rendimenti. Ecco dunque che li possiamo considerare come un tipo di risparmio piuttosto che un investimento vero e proprio.

In questo caso, se preferite dei rendimenti maggiori, consigliamo il trading online. Potrete sempre scegliere di fare trading con uno dei broker di seguito riportati, in quanto questi oltre ad essere regolamentati, garantiscono l’intero capitale del trader, perché detenuto in conti completamente separati rispetto a quelli del broker.

Ancora, vi possiamo dire che molti di questi broker, offrono la possibilità di fare trading oltre con un deposito minimo anche con un conto demo utile non solo a testare le strategie ma anche a testare la piattaforma. La cosa più importante e che offrono un rimborso sulle perdite. In questo caso, consigliamo sempre di richiedere maggiori informazioni al broker perché questo sistema potrebbe essere soggetto a termini e condizioni diverse da broker a broker.

Infine sono delle ottime piattaforme da utilizzare anche per investire in borsa. Completano il quadro poi anche i premi e le offerte speciali per tutti i trader come anche il simulatore di trading, i segnali di trading gratuiti, la formazione, e la partecipazione ai tornei.

Vi consigliamo per i vostri investimenti anche di seguire:

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

TommasoP

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com