Profumo: Crisi mai successa per Unicredit

Pubblicato da: Luca M. - il: 15-10-2008 4:52

L’amministratore delegato di Unicredit, Alessandro Profumo, avviando la conferenza telefonica di presentazione della ricapitalizzazione da 6,6 miliardi di euro avviata dall’istituto ha dichiarato che: “Nell’ultimo mese ci sono stati dei cambiamenti significativi della situazione per il comparto bancario, che era già difficile. C’è stato un evidente deterioramento dello scenario macro-economico e si è vista una mancanza di fiducia tra gli operatori finanziari senza precedenti, il risultato è stato un maggior bisogno di liquidità per il sistema bancario: il ritorno alla normalità sul mercato dei capitali probabilmente richiederà più di quanto atteso. Le turbolenze sui mercati viste in queste settimane non hanno precedenti nella storia dal crack del 1929″.«So che lo scenario esterno era già negativo prima – ha spiegato Profumo. – Chiaramente abbiamo sottovalutato le condizioni del mercato. Abbiamo fatto degli errori di valutazione, questo ci è assolutamente chiaro». Secondo l’ad, inoltre, «è impossibile prevedere se l’utile per azione diluito al 2010» sarà in linea con i target. «È difficile dire se ci sarà un’ulteriore deterioramento della situazione o se i mercati si riprenderanno – ha aggiunto Profumo – è impossibile dire che l’utile per azione sarà confermato». Le ulteriori svalutazioni sul portafoglio di Asset backed securities (Abs) e di obbligazioni bancarie che Unicredit operererà nel terzo trimestre 2008 ammontano a «circa 700 mln di euro», ha inoltre spiegato Profumo «All’incirca – ha detto l’ad agli analisti finanziari – si tratta di 500 mln per le Abs e di 200 mln per le obbligazioni bancarie. È una cifra in linea con quello che vi avevamo sempre detto».

Profumo ha poi riconosciuto nel pomerigio, in un’intervista a Bloomberg tv, che la banca ha acquisito diverse concorrenti (le più rappresentative la tedesca Hvb e l’italiana Capitalia) ai «massimi del mercato» e in retrospettiva, «avremmo potuto aspettare». «Nella prima metà del 2007 – ha detto – quando tutto sembrava in rosa, abbiamo condotto acquisizioni, usato capitale. Pensiamo all’Ucraina, al Kazakhstan, alle minoranze di Hvb e di Bank Austria e anche alla stessa Capitalia. In un momento che era il picco. Con il senno di poi sarebbe forse stato meglio aspettare».

Nel pomeriggio è trapelata la notizia che Alessandro Profumo, ha comprato in Borsa 111.733 azioni del gruppo. Il prezzo pagato è stato di 2,76 euro per azione, per un controvalore complessivo di 308.000 euro. Poco dopo è statop comunicato che Profumo ha comprato in Borsa altre 38.267 azioni, ad un prezzo compreso tra 2,7625 e 2,7575 euro, per un controvalore complessivo pari a poco più di 105mila euro. In totale, l’ad di Piazza Cordusio ha acquistato lunedì a Piazza Affari 150.000 titoli, per un importo totale di quasi 413mila euro. Anche Roberto Nicastro, deputy Ceo del gruppo, ha acquistato 75.000 azioni, per un controvalore di 207.000 euro.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo
IG MARKETS
IG MARKETS OpinioniConto demo
XTrade
XTrade OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

E-investimenti.com

E-investimenti.com