Crisi Alitalia e privatizzazione.

Pubblicato da: Luca M. - il: 29-07-2007 6:44

Per le sorti di Alitalia il Governo riparte quasi da zero. Con «diverse ipotesi in campo», dice il presidente del Consiglio Romano Prodi: «Si è concluso un processo come non volevamo, e adesso stiamo già riflettendo su cosa fare per il futuro». Una sola indicazione filtra da Palazzo Chigi: è esclusa la possibilità di ricorrere al percorso previsto dalla legge Marzano per la ristrutturazione delle grandi aziende in crisi, con il commissariamento.A più di sette mesi da quando il governo ha annunciato di voler cedere il controllo ai privati anche l’ultimo concorrente rimasto in corsa si è ritirato, ed il Tesoro ha formalmente chiuso la procedura.

L’imprenditore abruzzese Carlo Toto, che in gara con la sua Air One mostrava grande ottimismo, e sembrava l’ultimo a credere ancora sul buon esito della privatizzazione, si è arreso ieri sera, perché le condizioni poste dal Tesoro «non consentono la realizzazione di un piano forte di risanamento e rilancio di Alitalia». È così arrivato alle stesse conclusioni di Aeroflot (che era in corsa con Unicredit ed ha abbandonato la gara il 27 giugno), della cordata guidata dal fondo americano Tpg (con Matlin Patterson e Mediobanca, fuori dal 29 maggio), e del fondo M&C di Carlo de Benedetti (che si è arreso il 30 marzo). Tutti avrebbero voluto avere mani più libere nella ristrutturazione della Compagnia.

Sfumata oggi anche la possibilità che il fondo Matlin Patterson volesse correre da solo (come indicato dal Tesoro, che in mattinata considerava la gara ancora aperta), la procedura è stata formalmente dichiarata chiusa. Si torna così indietro al 10 ottobre del 2006, quando Prodi lanciò l’allarme («La situazione è fuori controllo»), ed il governo iniziò a lavorare sul dossier Alitalia. Anche la decisione di cedere il controllo ai privati, approvata dal Consiglio dei ministri il 1° dicembre, potrebbe essere riconsiderata: il Tesoro, che ha in portafoglio il 49,9% della compagnia, ha indicato che comunicherà al mercato le proprie ulteriori determinazioni in merito alla partecipazione detenuta non appena le stesse verranno assunte».

Con al vertice il «presidente traghettatore» Berardino Libonati, il superdirettore Giancarlo Schisano sta lavorando alle linee guida di un piano industriale triennale: la Compagnia, che in attesa del passaggio del controllo ai privati aveva congelato le opzioni strategiche della gestione Cimoli, non può più aspettare.

Pesano forti perdite, ed l’indebitamento oltre quota un miliardo. Dopo la decisione del Tesoro è stato subito convocato un consiglio di amministrazione.

Mesi persi, mentre la Compagnia resta sulla china di pesanti perdite, denunciano i sindacati, che fanno pressing su Prodi: «Deve spiegare al Paese perché la gara è fallita». Parole diverse, ma il messaggio è lo stesso: tutte le sigle chiedono al governo di aprire subito un «confronto serrato». «Un risultato scandaloso», dice il leader della Cisl Raffaele Bonanni. «Non vorremmo scoprire che l’unica strategia è la liquidazione», dice il numero uno della Uil, Luigi Angeletti. La Filt Cgil parla di «evidente responsabilità politica».

La cessione del controllo ai privati potrebbe tornare presto di attualità con una trattativa diretta. Ricorrono, mai frenate dalle smentite, le voci su Air France e Lufthansa. Mentre tutti i protagonisti della gara non hanno escluso la possibilità di ritornare in scena, ma solo se cambiano le condizioni per la vendita. Il piano di Air One «era molto solido», indica l’amministratore delegato di Intesa Sanpaolo Corrado Passera: «Il piano finanziario lo avevamo predisposto noi ed eravamo molto convinti. Continueremo ora a supportare il gruppo di Carlo Toto».

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com