Brusco calo del debito pubblico

Pubblicato da: Luca M. - il: 08-10-2007 4:15 Aggiornato il: 12-09-2013 14:05

Il saldo primario nei primi sei mesi del 2007, rispetto al Pil, risulta positivo e pari al 3%, in crescita rispetto all’1,8% dei primi sei mesi del 2006. Questo ha anche determinato un deficit pubblico che nei primi sei mesi del 2007 si è attestato all’1,9% del Pil, rispetto al 2,8% del primo semestre 2006.

Lo comunica l’Istat sottolineando che nel secondo trimestre il saldo primario è risultato positivo e pari a 27.398 milioni di euro, con un’incidenza sul Pil del 7,2% (+5% nel corrispondente trimestre del 2006).

Il saldo corrente (risparmio) nei primi sei mesi di quest’anno è risultato positivo per l’1,1%, +0,5% nel secondo semestre 2006, mentre nel secondo trimestre è stato pari al 5,3%, con un +3,9% nel corrispondente trimestre del 2006.

Nel secondo trimestre del 2007 le entrate totali sono aumentate in termini tendenziali del 5,3% con un’incidenza sul Pil del 46,9%, 46,5% nel corrispondente trimestre del 2006. Le entrate correnti registrano un aumento del 5,3% dovuto alla crescita delle imposte dirette +4,4%, delle imposte indirette +4,5% e dei contributi sociali +8,8%. In quest’ultimo caso spiegano all’Istituto sono conteggiati i trasferimenti delle imprese al fondo Tfr dell’Inps.

Le entrate in conto capitale fanno invece registrare una diminuzione in termini tendenziali dello 0,9%.

Nel secondo trimestre 2007 le uscite totali sono aumentate in termini tendenziali dell’1,1%. Lo comunica l’Istat sottolineando che il rapporto tra uscite e Pil è sceso al 44,9%, dal 46,3% del corrispondente trimestre del 2006.

Le uscite correnti nel secondo trimestre 2007 hanno registrato un aumento del 2%: il saldo è dovuto all’effetto combinato della diminuzione dei redditi da lavoro dipendente (-6,1%) e dalle altre uscite correnti (-0,7%) e all’aumento delle prestazioni sociali in denaro (+5,3%), dei consumi intermedi (+3%) e degli interessi passivi (+11%). La diminuzione delle uscite per redditi di lavoro dipendente è spiegabile dal fatto che nel corrispondente periodo del 2006 c’era stato un aumento legato a diversi rinnovi contrattuali.

Le uscite in conto capitale sono invece diminuite in termini tendenziali dell’8,8%: questo calo è il saldo tra l’aumento degli investimenti fissi lordi (+3,2%) e la diminuzione delle altre uscite in conto capitale (-24,7%).

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com