Enel bocciata. I motivi? Calo del pil e dei consumi elettrici

Pubblicato da: MatteoT - il: 18-02-2012 10:48

Enel deve fare i conti con una serie infinita di report negativi. Il titolo, inevitabilmente, crolla a Piazza Affari. Dopo gli oltre 5 punti percentuali persi giovedì, anche nella giornata di ieri le azioni dell’ex monopolista elettrico hanno perso terreno.

La fuga dal titolo è stata causata dalla bocciatura da parte delle banche d’affari i cui analisti, tutto a un tratto, hanno scoperto che Enel – così come tutte le utility i cui margini sono molto sbilanciati sulla produzione e vendita di elettricità – hanno molto sofferto per il crollo del Pil nella secobnda parte del 2011. E che continuertanno a soffrire per tutto il 2011, viste le previsioni.

Sono almeno quattro le banche d’affari che nelle ultime ore hanno rivisto al ribasso i loro giudizi. Ha cominciato JpMorgan e hanno proseguito Ubs, Equita e anche Kepler. JpMorgan, in particolare, ha abbassato il target price da 5 a 4,5 euro, sebbene ora in Borsa ne valga circa 3.

Una presa di posizione ufficiale è arrivato anche da Enel, che ha così spiegato il ribasso dei titoli: “E’ stato Influenzato dai report delle case d’affari allarmate dall’andamento macroeconomico del settore. Al recente forte ingresso di nuova capacità fotovoltaica si sono aggiunti i dati sulla flessione nei consumi nel mese di gennaio annunciati da Terna”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
Fibo Group
Fibo Group OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com