L’Italia e l’aumento dell’Iva: la Cina la taglia

Pubblicato da: MatteoT - il: 07-06-2012 16:29

In Italia aumenta ed in Cina si riduce; non stiamo parlando, purtroppo per noi, del Pil ma piuttosto dell’Iva. Nel nostro Paese è salita in autunno e nel mese di ottobre 2012 potrebbe aumentare di un altro punto base mentre a Pechino viene abbassata per continuare la crescita.

I cinesi, mentre in Italia si studiava di quanto aumentare l’imposta sul valore aggiunto, hanno fatto partire un progetto a Shanghai basato sulla riduzione dell’Iva ad un gruppo di aziende pilota. I risultati? Ottimi, tanto che si pensa di estendere questo provvedimento a livello nazionale.

A Shanghai sono state coinvolte, dal mese di marzo 2012, oltre 129.000 aziende di trasporti, costruzioni, ricerca e sviluppo, ICT, prodotti culturali, servizi finanziari e consulenza, si basava su un principio di “tassazione differenziata”. Si passava così dal 17% per l’affitto di immobilizzazioni materiali, all’11% per i trasporti e le costruzioni, per finire al 6% per quelli che erano stati definiti “servizi moderni”.

“Il progetto pilota ha funzionato senza problemi ed evidenti sono i primi effetti connessi alla sua applicazione,” hanno dichiarato le autorità cinesi dopo l’ultima sessione di verifica di questi giorni a Shanghai. “In media, il programma ha ridotto il carico fiscale per le industrie che vi hanno partecipato e contribuito a stimolare uno dei nostri settori più critici: quello dei servizi.”

La nuova Iva sperimentata a Shanghai, a differenza della tassazione tradizionale, presenta il grande vantaggio che tiene conto del fatturato delle aziende a prescindere dai costi operativi sostenuti per le loro attività. Questo nuovo metodo consente quindi alle aziende di rivendicare il “credito d’imposta a monte“, come ad esempio le spese per macchinari, carburante ed altri beni e servizi soggetti ad IVA.

Qual è l’obiettivo di questo provvedimento cinese? Molto semplice, continuare a far crescere la domanda interna, favorire i consumi e contribuire ad un ulteriore rilancio del Paese.

Il dubbio a questo punto appare legittimo: non è che l’Italia stia imboccando la strada sbagliata?

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo
AvaTrade
AvaTrade OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com