Fare trading con scadenze dei futures

Pubblicato da: Trader - il: 25-10-2015 8:53 Aggiornato il: 03-05-2016 12:46

Nei nostri precedenti articoli abbiamo provato ad illustrare i metodi di trading online più convenzionali. Passiamo ora a trattare di uno strumento derivato, il contratto future, che apre diverse prospettive per i trader e ovviamente, come fare trading con scadenze dei futures. Un argomento che molti trader non conoscono a fondo, spesso perché non utilizzano i Futures per fare trading online (magari operano solamente con i titoli azionari oppure nel mercato del Forex).

futures
Nel corso di questo articolo, proveremo a spiegarti i tratti fondamentali di questo tipo di strumento finanziario e tratteremo anche delle azioni e delle operazioni che possiamo mettere in atto attraverso lo sfruttamento della scadenza dei contratti future, quindi facendo trading con scadenze dei futures.

Un nuovo strumento finanziario: il contratto future

In finanza, un contratto future (o, più in breve, semplicemente “future”) è un accordo intercorrente fra 2 parti per acquistare o vendere un asset ad un prezzo predeterminato al momento della conclusione del contratto (il prezzo future), con consegna e pagamento che avvengono in un momento futuro (la data di consegna).

Poiché il contratto future è una funzione dell’asset sottostante, siamo in presenza di uno strumento derivato.

I contratti vengono negoziati e scambiati sulle borse valori, che rappresentano il mercato in cui compratore e venditore possono entrare in contatto per concludere delle transazioni. L’acquirente del contratto è la parte che viene chiamata “long”, mentre la parte che vende il contratto è indicata con il termine di “short”.

Parlando un po’ della storia dei contratti futures e del trading con scadenze dei futures, i primi futures vennero negoziati per le materie prime agricole e, in seguito, per le risorse naturali, quali il petrolio. I futures finanziari vennero introdotti per la prima volta nel 1972 e, nei decenni più recenti, i cosiddetti currency futures, interest rate futures e gli stock market index futures hanno avuto un ruolo sempre meno marginale nel mercato dei futures complessivamente considerato.

L’utilizzo originario dei contratti futures perciò, era quello di mitigare il rischio del movimento del prezzo o del tasso di cambio, consentendo alle parti di fissare in anticipo i prezzi o i tassi di cambio per le transazioni future. Questo poteva rappresentare un vantaggio quando, ad esempio, una parte si aspettava di ricevere un pagamento futuro in una valuta straniera, e voleva cautelarsi rispetto a movimenti non favorevoli della valuta nell’intervallo temporale tra la conclusione dell’accordo e l’effettivo pagamento.

spiegazione-contratti-futures

I contratti future, tuttavia, rappresentano anche un’opportunità per speculare sul mercato: infatti, un trader che prevede che il prezzo di un asset si muoverà in una particolare direzione, può contrattare per acquistare o vendere l’asset stesso in futuro ad un prezzo che – se le previsioni si dovessero rivelare corrette – potrà generare un profitto.

Esistono diverse tipologie di contratto future con i quali i trader e gli investitori possono fare trading con scadenze dei futures, che riflettono i tipi di asset negoziabili su cui il contratto può essere basato, tra cui:

  1. Currency Futures: si tratta di un tipo di contratto dove, il trader che lo acquista, si obbliga a scambiare una certa valuta per un’altra valuta ad una data specifica. Con il prezzo della contrattazione già prefissato durante la data della contrattazione: ciò significa che una volta scaduta il contratto currency feature il trader dovrà scambiare, obbligatoriamente, la valuta al prezzo prefissato durante la contrattazione (indipendentemente se lo scambio gli porterà un profitto oppure una perdita).
  2. Commodity futures: in questo caso si tratti di un contratto dove un trader si obbliga ad acquistare una prefissata quantità di una materia prima ad una data specifica. Anche in questo caso, il prezzo dello scambio viene fissato nel giorno della contrattazione. Ma in questo caso nel prezzo del future viene inclusa anche la “carrying charge”, ovvero le commissioni che servono a coprire i costi di immagazzinaggio delle merci, l’assicurazione delle merci, e costi simili.
  3. Futures su indici azionari: in questo caso il contratto funziona esattamente come i precedenti, ma vengono valutati con dei prezzi prestabiliti dagli organi competenti.

La scadenza dei future: definizione e breve introduzione

Come abbiamo visto, i contratti future hanno una scadenza. Questa scadenza non rappresenta altro che il giorno in cui la vita di uno strumento di questo tipo finisce e il contratto si risolve secondo i termini di consegna del contratto stesso. Questa risulta infatti essere la principale caratteristica dei contratti future. In altre parole, la data di scadenza dei future, o scadenza contrattuale, è quel giorno in cui si smette di fare trading su quel determinato contratto.

Come tutti i prodotti finanziari derivati, i future hanno una durata limitata nel tempo ed le parti dell’accordo che tengono il contratto future durante la data di scadenza, dovranno eseguire il contratto conformemente ai termini dello stesso e, quindi, o scambiare effettivamente l’asset sottostante (physical settlement, o liquidazione fisica) o il conguaglio in denaro (cash settlement, o regolamento in contanti). In nessun caso il trader potrà rifiutare di portare a termine e concludere il contratto future stipulato.

contratti-futures

  • Nel primo caso, quindi, si ha la consegna effettiva del bene oggetto del contratto, nelle circostanze di tempo e di luogo e al prezzo pattuiti nel contratto stesso, dietro pagamento del corrispettivo.
  • Nel secondo caso, invece, la liquidazione consiste in un’operazione di compensazione. Si arriva, quindi, a stipulare un contratto di segno opposto a quello da risolvere (ossia, se si vuole risolvere un contratto di acquisto, si stipulerà un contratto di vendita).

Per molti contratti futures su indici o relativi a tassi di interesse, la scadenza è fissata il terzo venerdì di certi mesi di trading. Ad esempio, la maggior parte dei contratti della CME (Chicago Mercantile Exchange) e della CBOT (Chicago Board of Trade) hanno la scadenza fissata a dicembre e il contratto di marzo diventa il future più vicino.

La data di scadenza rappresenta uno dei periodi più eccitanti ed entusiasmanti per un trader, perché vi sono possibilità concrete di trarre profitti dai movimenti di prezzo repentini anche in brevissimo tempo. In queste circostanze di tempo, il prezzo in denaro dell’asset sottostante e il prezzo del future a volte faticano a convergere. Il future e gli asset sottostanti sono estremamente liquidi e i trader possono speculare su queste disparità.

In questi momenti, inoltre, il volume piuttosto consistente è determinata anche dai trader che eseguono operazioni di rollover, portando la posizione al contratto successivo. Qui di seguito proveremo ad illustrare le implicazioni della scadenza dei contratti futures nel trading su futures e le azioni che concretamente noi trader possiamo mettere in atto in occasione di tale evento, potendo così sfruttare al massimo il trading con scadenze dei futures.

Quando è fissata la scadenza dei contratti future?

Tecnicamente, non esiste alcuna “data di scadenza” nel trading su contratti futures. Più spesso, nel trading su futures, vengono specificati il “mese di scadenza” e il “giorno finale di trading” o “l’ultimo giorno di trading”. Non c’è tecnicamente alcuna scadenza che viene specificata. Ogni contratto future arriva a maturazione o scade dopo il giorno finale di trading del mese di scadenza. Ad esempio, il Single Stock Futures di marzo per il titolo AAPL (simbolo che serve ad indicare le azioni Apple) scade alla fine del giorno finale di trading del terzo venerdì di aprile.

Cosa succede il giorno della scadenza dei contratti future?

Alla fine del giorno finale di trading, entra in gioco un procedimento chiamato “final settlement”, o “regolamento finale”. Il regolamento finale è semplicemente un’operazione per determinare il prezzo finale a cui l’asset sottostante verrà scambiato tra le parti coinvolte nella negoziazione del future. A questo punto, il contratto future non può più essere venduto o compensato (“offsetted”) sul mercato borsistico o nel libero mercato e i termini indicati in quel contratto devono essere onorati e rispettati dalle parti dell’accordo.

tipi-contratti-derivati-futures

Nel trading di commodities futures, aventi ad oggetto materie prime fisicamente scambiate, la data di scadenza del future è seguita dal cosiddetto First Notice Day, in cui un avviso, conosciuto come Notice of Intent (letteralmente, “avviso di intento”) viene inviato dal venditore (la parte “short” del contratto future) alla clearing house e successivamente, dalla clearing house all’acquirente (la parte “long” del contratto future), come notifica formale per lo scambio dell’asset sottostante conformemente agli accordi contenuti nel contratto future.

Nel trading di single stock futures, la scadenza del contratto è seguita dall’automatica consegna del titolo azionario sottostante dalla parte short alla parte long dopo tre giorni lavorativi.

Per i contratti future che vengono regolati tramite conguagli in denaro, i profitti e le perdite vengono disciplinate fra il long e il short per l’ultima volta durante la procedura di regolamento finale, che avviene in seguito al giorno finale di trading; poi il contratto future si chiude.

Ci sono alcune borse valori che raccolgono le perdite dalla parte in perdita durante l’accordo finale nel giorno finale di trading e poi distribuiscono successivamente i profitti alla parte vincente il giorno dopo il giorno finale di trading, chiamato data di scadenza. Pertanto, bisogna prestare molta attenzione all’utilizzo specifico dei termini a seconda del mercato o della borsa su cui si sta facendo trading.

Cosa possiamo fare noi trader all’approssimarsi del giorno di scadenza di tali strumenti finanziari?

Ci sono 3 decisioni che possiamo prendere quando la scadenza dei futures si avvicina: offset, roll o settlement. Compensazione, rollover o regolamento: questi i tre metodi disponibili per fare trading con scadenze dei futures.

1) Offset

La compensazione di un contratto future implica la chiusura dello stesso effettuando una transazione di pari importo ma opposta. Questo è il modo standard di chiudere tutte le posizioni future e consiste nell’azione più comune dei futures trader prima del giorno di scadenza.

Compensando la tua posizione, la vai a chiudere, realizzando tutti i profitti o le perdite del caso, aprendo una nuova posizione di segno opposto a quella conclusa, ma non avendo più alcun coinvolgimento in quella posizione originaria.

Se decidi di compensare la tua posizione future, devi concludere il tutto entro il giorno finale di trading, che è tipicamente il giorno prima della data di scadenza. Se non riesci o decidi di non compensare la tua posizione entro tale giorno, non ti sarà più possibile, dovendo necessariamente passare attraverso la procedura del regolamento.

Alcune borse o mercati offrono la possibilità di compensare la propria posizione anche dopo la data di scadenza, ma prima di quella che è conosciuta come “Close-Out Date”. Se non sei sicuro di avere questa possibilità, è sempre meglio compensare la propria posizione entro il giorno finale di trading.

contratti-futures

2) Roll Forward

Eseguire una operazione di rollover su una posizione future significa chiudere quelle posizioni che stanno per scadere e aprire una transazione future simile per un mese di scadenza successivo. I trader future agiscono in tal modo quando vogliono mantenere aperta una posizione per un periodo di tempo più lungo.

Il rollover di una posizione future è una transazione che chiude contemporaneamente la posizione attuale e ne apre una nuova, in cambio di una eventuale differenza di prezzo. È diverso dalla compensazione della posizione future con conseguente apertura di una nuova posizione con scadenza al mese successivo, perché, in tale circostanza, ci sarebbe una differenza temporale e una rottura nella continuità della posizione.

3) Settlement

Tenendo una posizione future lungo la scadenza, sei legalmente vincolato ai termini del contratto future e, pertanto i rapporti fra le parti vengono regolati conformemente a quanto disposto nell’accordo contrattuale stesso. Questo regolamento può avere le fattezze di una liquidazione – per così dire – fisica, dove la parte long acquista fisicamente l’asset sottostante dalla parte short al prezzo di regolamento finale, oppure di un trasferimento di denaro (la norma nel trading online, dove i future più frequenti sono quelli di valute), in cui il profitto e la perdita netti vengono regolati fra il long e il short in denaro.

Per altre informazioni sul trading online utilizzando differenti strumenti finanziari, vi rimandiamo alla nostra ricca sezione dedicata sempre disponibile qui sul nostro sito e-investimenti.com.

Per fare trading online con il mercato Forex, vi invitiamo a scegliere uno dei broker Forex & CFD regolamento ed autorizzato di seguito riportati:

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
Plus500
Plus500 OpinioniConto demo
BDSwiss
BDSwiss OpinioniConto demo
Alvexo
Alvexo OpinioniConto demo
Trade.com
Trade.com OpinioniConto demo
AvaTrade
AvaTrade OpinioniConto demo
Fibo Group
Fibo Group OpinioniConto demo
FXORO
FXORO OpinioniConto demo
FXTM
FXTM OpinioniConto demo
Kawase
Kawase OpinioniConto demo
LCG
LCG OpinioniConto demo
iFOREX
iFOREX OpinioniConto demo
Easy Forex
Easy Forex OpinioniConto demo
FXGM
FXGM OpinioniConto demo
XM.com
XM.com OpinioniConto demo
IronFX
IronFX OpinioniConto demo

<< Lezione recedente: LEZIONE  8– Fare trading online sugli indici <<

>> Lezione successiva: LEZIONE 10 –  Come fare trading con lo short selling >>

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
Markets
Markets OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
Fxpro.it
Fxpro.it OpinioniConto demo
IG.com
IG.com OpinioniConto demo
eToro
eToro OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

Trader

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com