Analisi Giornaliera Forex 23 aprile 2013

Pubblicato da: MatteoT - il: 23-04-2013 9:56 Aggiornato il: 12-09-2013 13:41

La giornata di ieri, come ben sappiamo, si è chiusa con la maglia rosa attribuita a Piazza Affari che, sulla scorta della rielezione di Giorgio Napolitano, ha chiuso con un + 1,65%. La mattinata, a vedere come ha aperto il listino milanese, si presenta poco mossa.

Sul fronte europeo, già le contrattazioni di ieri, hanno mostrato che siamo in una situazione molto delicata anche visto le pubblicazioni sempre meno entusiasmanti sul fronte della fiducia dei consumatori o dell’andamento dell’economia. I mercati sono ancora in una fase di correzione o, tutt’al più, laterale, con l’unica eccezione del dollaro australiano che ha cercato di erodere qualche punto a ribasso.

Oggi sarà interessante prendere visione del PMI in Francia, in Germania e per l’area euro; tutti questi dovrebbero essere in linea con i precedenti dati rilasciati a marzo 2013. Vediamo, però, l’analisi giornaliera per le principali coppie valutarie.

EUR/USD: l’euro viaggia sempre nella sua fase laterale e, quindi, si consiglia un’operatività su timeframe ridotti con oscillatori, come lo stocastico, che ieri ha anticipato molto bene il movimento che ha portato la valuta unica europea da 1,3050 a 1,3000. Solamente un superamento di 1,3085 potrebbe riportare il cambio sui massimi in area 1,3200, mentre al ribasso sarà cruciale analizzare una rottura di 1,3015: da qui si potrebbero aprire spunti interessanti verso 1,2975 e 1,2940.

USD/JPY: anche ieri è mancata la rottura della soglia psicologica, oltre che importante cifra tonda, di 100. Il supporto da tenere presente, come abbiamo detto anche ieri mattina, è quello tra 98,50 e 98,75. Solamente sopra 99,15 attendiamoci nuovi spunti rialzisti, orientati verso 99,45 prima e 100,00 poi.

EUR/JPY: qui l’area da tenere in considerazione nell’operatività quotidiana è l’area di 128,50. Solamente con il superamento e la violazione della resistenza statica posta a 129,20 potremmo aspettarci tentativi di risalita fino a 129,70.

GBP/USD: la sterlina, dopo il declassamento di Fitch, si è mostrata molto volatile. Ieri mattina ha tenuto le resistenze e poi è ripartita fino 1,5280. Siamo sempre tra i 1,5250 e 1,5300. Lavoriamo sui breakout.

AUD/USD: il dollaro australiano, nella giornata di ieri, ha cercato di virare al ribasso, ma non è riuscito a raggiungere 1,0200. Poco male, visto che ci siamo fermati a 1,0220: questo livello è ora il supporto principale da osservare che, qualora dovesse essere violato al ribasso, aprirebbe nuovi ed ulteriori scenari ribassisti.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com