Analisi Giornaliera Valute Forex 7 maggio 2013 e previsioni

Pubblicato da: MatteoT - il: 07-05-2013 9:52

Non solo Bce. Nella nottata anche l’Australia con la sua RbA ha deciso di tagliare i tassi di interesse di riferimento per il rifinanziamento del sistema interbancario; l’obiettivo? Semplice: sostenere la domanda interna. L’Australia era, tra le major, l’economia che presentava i tassi di interesse più alti e, ora, li ha portati al 2,75%.

grafico

Anche chi è più in salute, vedasi lo stato citato, sta mostrando i primi segnali di rallentamento; questa decisione australiana, inoltre, mostra quanto il Paese e la sua politica monetaria siano influenzate ed influenzabili dall’andamento della vicina Cina, che ha deciso di intraprendere una crescita sostenibile e non più di massimizzazione come fatto negli anni precedenti.

Questa decisione, ovviamente, si è fatta sentire nel mercato del Forex. Il rapporto Aud/Usd è sceso sotto 1,0220, ossia quel livello che da fine aprile resisteva come supporto nel mercato. Certamente, però, gli scenari recessivi non sembrano sentirsi in Australia, Paese che gode di un’ottima fiducia tra gli investitori.

Veniamo ora all’analisi giornaliera delle valute Forex per il 7 maggio 2013 iniziando col dire che, oggi, non ci saranno pubblicazioni di grande rilievo, se non la produzione industriale in Francia. Possiamo quindi passare ad analizzare le prospettive per le principali valute scambiate nel mercato Forex.

EUR/USD: la mattinata è iniziata con una volatilità piuttosto bassa, ma si è finiti per rompere il livello statico di 1,3085 senza, però, superare il supporto decisamente più importante e consistente che passa per 1,3040. Solamente una rottura ribassista di questo livello potrà dar luogo a slanci che potranno arrivare a 1,2975 prima. Ipotesi rialziste si avranno solamente con la violazione di 1,3120; in questo caso il target sarebbe 1,3140 prima e 1,3200 poi.

USD/JPY: nella notte si è sviluppato un tentativo di discesa del dollaro sullo yen giapponese in linea con quanto avvenuto per l’euro. I supporti statici di breve periodo, passanti per l’area 98,50, sono ancora abbastanza lontani. L’orario è poco chiaro, quindi sembra più opportuno focalizzarsi su un chart a 4 ore, dove si nota la lateralità che domina da diversi giorni a questa parte. In caso di rottura dei minimi della notte possiamo ipotizzare down-trend.

EUR/JPY: anche il cross Eur/Jpy sta vivendo un periodo di bassa volatilità e non c’è alcuna correlazione con Eur/Usd e Usd/Jpy. Per la giornata odierna, quindi, valgono le stesse considerazioni viste ed analizzate per il Dollaro/Yen.

GBP/USD: la Sterlina britannica ha seguito l’Euro e, nella notte appena trascorsa, ha iniziato delle discese. Si è toccato 1,5520 e poi si è assistito ad una risalita, senza che però si sia riusciti a far segnare nuovi massimi. Le medie mobili a 21 periodi sono impostate al rialzo, ma bisogna prima attendere la rottura di 1,5550. Al ribasso occhio violazione di 1,5475-1,5500.

AUD/USD: la discesa della notte è stata contenuta dal supporto più importante; ora si sta formando una divergenza rialzista sull’orario, che potrebbe essere sfruttata per girarsi long. Attenzione all’area di 1,0175: un’eventuale rottura ribassista potrebbe condurre facilmente a 1,0115, che rappresenta il minimo dei primi giorni di marzo 2013.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com