Analisi Giornaliera Forex 8 maggio 2013 e previsioni

Pubblicato da: MatteoT - il: 08-05-2013 9:16 Aggiornato il: 08-05-2013 9:17

La settimana è iniziata lunedì con poca volatilità a causa della chiusura di Londra e Tokyo ma nella giornata di ieri hanno vissuto una delle giornate più interessanti delle ultime settimane. Non ci sono stati dati macro economici di rilievo ed allora i listini si sono spinti al rialzo con nuovi record per il Dax, per Wall Street e per Tokyo. La view, quindi, sembra essere tornata pesantemente rialzista.

Economia 2

Il tutto si è scatenato in seguito alla doppia decisione della scorsa settimana: taglio dei tassi di interesse della Bce e dati sul mercato del lavoro Usa migliori del previsto e migliori della precedente release. Ieri, poi, è arrivata anche la decisione della Banca centrale australiana, che ha deciso anch’essa di ridurre il tasso di riferimento portandolo al 2,75% e mostrando di risentire particolarmente e negativamente dell’economia della vicina Cina che, seppur cresca a ritmi vertiginosi rispetto al resto del Mondo, ha comunque deciso di crescere in modo sostenibile e non puntando unicamente alla massimizzazione del profitto.

Questa notte dal Dragone sono arrivati dati positivi sulle importazioni (16.8% contro un consensus di 13.00% e precedente di 14.1%), sulle esportazioni (14.7% vs consensus di 9.2% e precedente di 10.00%) e sulla bilancia commerciale, tornata in territorio positivo (18.16B$ vs consensus di 16.15B$ e precedente di -0.88B$), il dollaro australiano è riuscito a provare una ripartenza, risultata però timida. Quindi, direzionalità, ma non volatilità, una situazione potenzialmente esplosiva nel momento in cui qualche confine tecnico di rilievo dovesse essere avvicinato, a causa della forte esposizione dei trader di breve e della presenza dei loro ordini di stop loss.

Oltre a questo, l’ultima nota riguarda l’euro, che pur dopo le parole di Draghi, che ha aperto alla possibilità di far scendere in territorio negativo i tassi sui depositi presso la BCE rimane in posizione di forza sul dollaro americano. Siamo ancora nell’indecisione totale per quanto riguarda il cambio principe del mercato, i confini da superare per assistere a direzionalità passano per 1.3030 e 1.3250. Insomma, un intervallo molto ampio.

Veniamo ora all’analisi giornaliera delle valute Forex per l’8 maggio 2013 fornendo spunti utili per l’operatività e previsioni di movimenti direzionali. Partiamo dall’EUR/USD: la moneta unica è ancora in laterale sul dollaro. Ieri si è riportata al livello di 1,3100 senza però violarlo con forza. 1,3065 fa da supporto e in caso di violazione i corsi potrebbero arrivare rapidamente a 1,3030 prima e 1,2975 poi. Al rialzo da monitorare l’area compresa tra 1,3120 e 1,3140: in caso di violazione si potrebbe arrivare a 1,3160 e 1,3175.

USD/JPY: molto importante come supporto l’area passante tra 98,50 e 98,75; ha contenuto bene la discesa del dollaro sull yen e, ora, siamo all’interno di un canale ribassista che emerge bene sul grafico orario. Al rialzo attenzione alle violazioni di 99,15 e 99,25 per arrivare alla fatidica soglia 100, resistenza davvero importante e rilevante in questo contesto.

EUR/JPY: un’altra giornata di bassa volatilità per l’euro che, nei confronti dello yen, si sta muovendo in laterale così come avviene su euro/dollaro e su dollaro/yen. Poco da dire, cambio non tecnico, lasciamolo perdere ancora.

GBP/USD: continua la discesa della sterlina che ieri ha toccato 1,5450 mostrando di aver esaurito la sua spinta rialzista. I punti tecnici, ora, sono precisi e chiari. La media esponenziale a 21 periodi sull’orario è vicina e con 1,5510 potrebbe fungere da interessante resistenza. In caso di violazione si potrebbe arrivare fino 1,5550. Al ribasso attenzione a violazione di 1,5465: 1,5420 sarebbe il target.

AUD/USD: resistenze importanti anche per il dollaro australiano; stiamo parlando di tutta l’area che passa tra 1,0200 e 1,0225. In caso di rottura al ribasso ci si potrebbe spingere fino 1,0115, livello che però può essere raggiunto solo in caso di violazione dei minimi della notte. Per una posizione long ipotizziamo la rottura di 1,0235.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com