Analisi Giornaliera Valute Forex 8 luglio 2013 e previsioni

Pubblicato da: MatteoT - il: 08-07-2013 9:15 Aggiornato il: 08-07-2013 9:17

Forex

Tutto come ci attendevamo. Il dollaro americano, nella chiusura della scorsa settimana, si è confermato nuovamente come l’unico ed autentico protagonista del mercato valutario grazie ai market movers. Se la giornata di giovedì aveva visto la BoE e la Bce affermare la bontà dei loro programmi di politica monetaria generando un rally delle Borse, la situazione si è capovolta durante la seduta di venerdì.

I dati sui nuovi post di lavoro creati negli Usa ed il tasso di disoccupazione americano hanno premiato gli acquisti di dollaro americani. I NFP hanno mostrato una crescita decisamente maggiore delle attese degli analisti: 195mila contro 165mila. Questo ha consentito la rottura di punti tecnici significativi sia sulle major valutarie sia sulle materie prime, con l’oro in testa, senza dimenticarsi dell’obbligazionario.

Dunque dal punto di vista delle correlazioni di mercato il venerdì ci ha restituito un quadro atteso e sensato che può valere la pena di continuare a seguire per le settimane a venire, in quanto si è palesato ulteriormente il macrotema che guiderà verosimilmente l’andamento futuro dei prezzi delle maggiori attività finanziarie e che vede al centro i tassi di interesse, la grandezza economica fondamentale che definisce il pricing dei titoli in senso lato.

I dati sul mercato del lavoro hanno spinto al rialzo i rendimenti dei tassi di interesse degli Usa andando ulteriormente a deprimere quelli del Vecchio Continente. L’economia americana, quindi, sta sensibilmente e visibilmente migliorando e questo porta la Fed ad essere sempre più convinta di una possibile uscita, già entro la fine di quest’anno, dal programma di Quantitative Easing.

Siamo più propensi a credere che il famoso tapering della Federal Reserve avverrà comunque, anche a fronte di dati non in linea con le aspettative dal punto di vista degli orizzonti temporali, e che anzi l’istituto centrale americano non stia cercando nei fondamentali la ragione per agire in senso restrittivo ma che semmai stia cercando nei fondamentali la ragione per non farlo.

Analisi Giornaliera Valute Forex 8 luglio 2013

EUR/USD: dopo le massicce vendite in area 1,2900, il prezzo si è appoggiato sul supporto a 1,28 dove si è fermata l’ennesima fase di distribuzione. Al rialzo bisogna attendere il superamento di 1,2835 con primi obiettivi a 1,2885 e secondo target a 1,2930. Al ribasso, invece, attenzione al supporto strategico in area 1,2750 per sviluppi a 1,2660.

USD/JPY: la major torna su livelli piuttosto elevati che non si vedevano da qualche setimana. Anche in questo caso un buon punto chiave ci è offerto dalla media mobile a 21 periodi del grafico orario che transita sul supporto a 101,10. Al superamento di questo punto possibili ingressi long con target a 101,55 e 101,90. Al ribasso attenzione alla violazione di 100,85: da lì possibili espansioni sino 99,90.

EUR/JPY: la sequenza di massimi decrescenti è stata rotta con decisione, ma la price action non offre ancora spunti tecnici interessanti. Solamente con la rottura rialzista di 130,20 possiamo ipotizzare di metterci long fino a 131,20. In caso di ribasso di 129,60 attenzione a 129,00 e 128,55 in estensione.

GBP/USD: il cable offre un quadro decisamente simile all’euro/dollaro americano. La media mobile esponenziale a 21 periodi del grafico orario rappresenta il livello più significativo nel breve termine. Idee long sopra 1,4915 con target a 1,4960 e 1,5030. Al ribasso attenzione a 1,4860 con take profit a 1,4840.

AUD/USD: siamo sempre più vicini alla cruciale soglia di 0,9000. Possimo ipotizzare un’operazione long al di sopra di 0,9070 con target a 0,9125 prima e 0,9175 poi. Se invece avverrà il breakdown di 0,9035 possibili discese verso 0,90 e 0,8950.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com