Calendario Economico 9 – 13 Settembre 2013 E Previsioni di Mercato

Pubblicato da: costantino - il: 09-09-2013 3:00 Aggiornato il: 09-09-2013 8:01

Calendario Economico 9-13 SettembreIl dollaro USA ha dovuto frenare la sua corsa dopo che il deludente rapporto sulle buste-paga dei settori non agricoli USA ha lasciato un alone di incertezza riguardo il piano di alleggerimento quantitativo della FED. I dati fondamentali in grado di influenzare i mercati questa settimana sono quelli relativi alle domande di disoccupazione americane, alle vendite al dettaglio, all’indice dei prezzi alla produzione e alla fiducia dei consumatori. Ecco una panoramica del sentiment del mercato sulle principali notizie economiche della settimana.

La scorsa settimana, la variazione mensile in materia di occupazione escluso il settore agricolo ha deluso con soli 169.000 assunzioni contro le 180.000 attese. Il tasso di disoccupazione ha toccato il minimo degli ultimi quattro anni e mezzo raggiungendo il livello più basso dal 1970. A questo punto quale sarà l’atteggiamento della FED? Partiamo.

Principali eventi del calendario economico 9 – 13 Settembre

USA JOLT Proposte di Occupazione: martedì ore 14.00 GMT. Questo è uno degli indicatori preferiti di Bernanke e potrebbe essere preso in considerazione il 18 settembre in merito alla decisione FED sull’alleggerimento quantitativo. Il JOLT ha raggiunto 3,94 milioni nel mese di giugno, ed é stimato a quota 3,96 nel mese di luglio. Nonostante sia un indicatore relativo a mesi passati é importante anche in considerazione con la situazione in Siria.

Dati Occupazione Inglesi: mercoledì, ore 8:30 GMT.  Il numero di persone che chiedono sussidi di disoccupazione é sceso nel mese di luglio al minimo degli ultimi quattro anni, in calo da 29.200 a 29.400 unità. Inoltre, il numero di occupati è aumentato di 69.000 nel trimestre a quota 29,78 milioni, il più alto da quando sono cominciate le rilevazioni nel 1971, ma il tasso di disoccupazione rimane al 7,8%. La Banca centrale inglese e il suo nuovo governatore Mark Carney stanno monitorando da vicino la situazione occupazionale prima di esaminare la possibilità di un rialzo dei tassi. La stima é che il mercato del lavoro nel Regno Unito continui il suo miglioramento con una ulteriore diminuzione del numero dei disoccupati di 21.200 unità.

Variazione Tassi D’interesse NZD: mercoledì, ore 21:00 GMT. La Reserve Bank della Nuova Zelanda ha mantenuto il tasso ufficiale di sconto al 2,5%, come previsto, in linea con la promessa di mantenere i tassi invariati fino alla fine del 2013. La banca centrale ha messo in guardia circa il forte aumento dei prezzi delle case in Auckland e Christchurch dicendo che monitorerà i suoi effetti sull’economia in generale. Si attende un rialzo dei tassi per marzo 2014 mentre in questa occasione non sono previste variazioni.

Calendario Economico 9-13/09/2013Richiesta di Sussidi di Disoccupazione USA: giovedì, ore 12:30 GMT. Il numero di americani che che ha fatto domanda per l’indennità di disoccupazione la scorsa settimana è sceso di 9.000 unità a quota 323.000, il che indica che il mercato del lavoro procede di pari passo con l’assunzione. Tale miglioramento porterà a migliori salari e contribuirà a sostenere la spesa dei consumatori, che rappresenta circa il 70% dell’economia. Gli economisti si aspettavano una cifra maggiore di 332.000. Questa settimana l’aspettativa é nuovamente per un incremento a quota 332.000.

Dati sull’Occupazione Australiana: giovedì 01.30 GMT. Il mercato del lavoro australiano ha avuto una contrazione di 10.200 unità nel mese di luglio e di 9.300 nel mese prima. Questa caduta ha smentito le previsioni di un aumento di 6.200 unità. I posti di lavoro a tempo pieno sono scesi di 6.700 unità a quota 8.133.900 nel corso del mese mentre i lavori a tempo parziale sono diminuiti di 3.500 unità a quota 3.519.300. Tuttavia il tasso di disoccupazione è rimasto stabile al 5,7%, nonostante la perdita di posti di lavoro e una diminuzione del numero di disoccupati di 5.700 unità. Nel caso il rallentamento continui la Reserve Bank australiana dovrà prendere in considerazione ulteriori misure di allentamento per rilanciare l’economia. Si prevedono 10.200 nuove assunzioni per il mercato del lavoro australiano e il tasso di disoccupazione dovrebbe salire al 5,8%.

Bilancio Mensile USA: giovedì, ore 18:00 GMT. Il governo degli Stati Uniti ha aumentato il suo deficit di bilancio di 98 miliardi dollari nel mese di luglio, nonostante un aumento del gettito fiscale. Le principali cause dell’aumento del deficit sono state i programmi di assistenza sanitaria, le pensioni per gli anziani e la spesa militare. Gli analisti si aspettavano un deficit di 96 miliardi dollari. Anche se deficit continua a crescere quest’anno, sembra ormai sia sulla buona strada per ridurre in modo sostanziale. In questa occasione l’attesa per il dato del deficit è in ulteriore aumento a quota 155,3 miliardi dollari.

Vendite al dettaglio USA: venerdì, ore 12:30 GMT. Le vendite al dettaglio degli Stati Uniti sono aumentate del 0,2% nel mese di luglio, a seguito di un progresso dello 0,6% nel mese precedente, il che suggerisce una ripresa dei consumi. Le piccole imprese sono più ottimisti nel mese di luglio, nonostante il basso livello delle scorte. Nel frattempo le vendite al dettaglio, escluse le automobili e materiali da costruzione, ha fatto un salto del 0,5%, segnando il più grande incremento degli ultimi cinque mesi, ulteriore indicazione che le famiglie indicano stanno spendendo di più effetto anche del fatto che il mercato del lavoro degli Stati Uniti continua a migliorare. Molti economisti si aspettano che la Fed inizi a ridurre i suoi acquisti nel corso del mese di settembre alla luce dei forti dati economici pubblicati di recente. Per le vendite al dettaglio degli Stati Uniti si prevede un aumento dello 0,5%, mentre le vendite al dettaglio (escluse automobili) si prevede un aumento dello 0,3%.

Indice dei Prezzi alla Produzione USA: venerdì, ore 12:30 GMT. I prezzi alla produzione erano piatti nel mese di luglio, dopo un aumento dello 0,8% nel mese precedente, aggiungendo la preoccupazione che l’inflazione sia troppo bassa. Gli economisti prevedono che i prezzi alla produzione aumentino di un 0,4%. Nel frattempo, i prezzi alla produzione (esclusi energia e alimentari), che é visto come indicatore di tendenza dell’inflazione, è salito dello 0,1% nel corso del mese, meno del 0,2% stimato dagli analisti. La bassa inflazione non quadra con gli altri dati economici emersi ed é questo un argomento di dubbio riguardo le decisioni future della FED. Anche per questo indicatore é previsto un aumento dello 0,2%.

Indice Fiducia USA dell’Università del Michigan: venerdì, ore 13:55 GMT. La lettura preliminare dell’indice di fiducia elaborato dall’Università del Michingan di agosto ha mostrato un inaspettato calo di 5,1 punti a 80, mentre gli analisti si aspettavano che l’indice raggiungesse quota 85,6. Anche questo indicatore, come lo JOLT, è tenuto in grande considerazione da parte della Fed per la sua valutazione sulle prospettive economiche. In questo caso il dato atteso é 82,6.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

costantino

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com