El-Erian (Pimco): rialzisti sui mercati solo con tre fattori

Pubblicato da: MatteoT - il: 05-07-2012 15:32

Nel giorno dell’Indipendence Day, il 4 luglio 2012, i mercati in Usa erano fermi. E’ stato un momento senza dubbio utile per tirare le somme di questa prima metà del 2012. El-Erian, amministratore delegato di Pimco (fondo obbligazionario numero uno al mondo) ha riportato alla Cnbc questa analisi.

El-Erian non nasconde il suo scetticismo scrivendo che “purtroppo, i leaxer dei vari governi non sono riusciti ancora a dare vita a una vera e propria svolta” nelle politiche da adottare, al fine di risolvere la crisi dell’Eurozona.

“La tabella di marcia è ancora troppo timida, viste le condizioni attuali, e le procedure operative troppo ingombranti. Le linee di finanziamento per i fondi di emergenza rimangono parziali e le dichiarazioni divergenti che arrivano dalle varie nazioni possono creare confusione“. (il riferimento è alle dichiarazioni espresse dalla Finlandia, che ha promesso battaglia alla proposta anti-spread presentata dal premier italiano Mario Monti e approvata dall’Ue).

Dunque, “affinchè la fase del risk-on (ovvero la strategia degli investimenti a favore del rischio), possa proseguire e avere successo, è fondamentale ancora che l’Europa continui a fare progressi e minimizzare gli ostacoli. A tal proposito, gli investitori riceveranno tre importanti indicazioni”, che faranno capire loro se si può continuare ad acquistare asset rischiosi, o se il rally di venerdì è stato solo una parantesi.

PRIMA INDICAZIONE – “Gli investitori – prosegue El-Erian – apprenderanno giovedì (domani, 5 luglio) se il summit della scorsa settimana si è tradotto in una maggiore libertà per la Bce”. Secondo l’esperto, non basta che l’istituto tagli i tassi di rifinanziamento di 25 e anche di 50 punti base. E’ fondamentale infatti che la Banca centrale europea “sostenga l’acquisto dei bond dei paesi periferici (riattivando il programma di acquisto di bond), lanci un’altra operazione di LTRO o un nuovo meccanismo”.

SECONDA INDICAZIONE – “Gli investitori monitoreranno il riavvio delle trattative tra il governo di Atene e la Troika (composta dai rappresentanti della Bce, dell’Unione europea e dell’Fmi): si tratta di una situazione complicata, soprattutto se si considera che gli assunti che hanno rappresentato il fondamento degli accordi precedenti sono stati messi in dubbio dalle condizioni sfavorevoli di sviluppo economico e finanziario”.

TERZA INDICAZIONE – Venerdì 6 luglio sarà reso noto il rapporto sull’occupazione mensile degli Stati Uniti. Affinché l’Europa possa riuscire a minimizzare gli ostacoli esterni, è essenziale che gli Stati Uniti assistano a una creazione di nuovi posti di lavoro che sia superiore a 100.000 unità. Nel caso in cui il valore dovesse essere inferiore alla soglia dei 100.000, allora la disoccupazione Usa tornerà a essere un “fondamentale market mover, zavorrando la fiducia dei consumari, le loro spese e gli investimenti aziendali in nuovi impianti e attrezzature”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com