Fitch conferma la tripla A agli Usa

Pubblicato da: MatteoT - il: 11-07-2012 14:45

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Fitch, agenzia di rating internazionale, ha confermato la tripla A agli Stati Uniti. Il Paese guidato da Barack Obama potrà quindi fregiarsi di avere ancora il massimo voto sui titoli del debito pubblico. L’outlook, però, rimane negativo a causa delle prospettive economiche minacciate dall’incapacità di arrivare a misure che possano correggere il deficit.

L’incertezza sulle tasse a livello federale e sulle politiche di spesa, legate al fiscal cliff (ovvero sul taglio delle agevolazioni fiscali), «pesano sull’outlook economico a breve termine» e alzano la possibilità di recessione. Per Fitch, inoltre, il peso del debito sull’economia continuerà a crescere e potrà danneggiare la crescita, se non sarà raggiunto un accordo sul deficit da parte di Congresso e amministrazione Obama.

Negli Stati Uniti «l’incertezza sul futuro del sistema fiscale e sulle politiche di spesa pesano sulle prospettive economiche di breve termine», si legge nel comunicato di Fitch. Sempre in questo comunicato viene ricordato che l’outlook negativo dà all’agenzia dai 12 ai 18 mesi di tempo per decidere se confermare o meno questo rating.

«Fitch non prevede di rivedere l’outlook negativo prima della fine del 2013», prosegue la nota, in cui si sottolinea come la crescita dell’economia americana dovrebbe attestarsi sul 2,6% nel 2013, con un tasso di disoccupazione che per allora dovrebbe scendere sotto l’8%.

Fitch non segue, quindi, quanto fatto un anno fa dal colosso Standard&Poor’s che aveva deciso di tagliare, per la prima volta, il rating degli Usa trasformandolo in AA+ dalla tripla A.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.