Moody’s si abbatte sui titoli di Stato italiani: rating a Baa2

Pubblicato da: MatteoT - il: 13-07-2012 11:30

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

L’agenzia di rating Moody’s ha deciso di abbattersi nuovamente sui titoli di stato italiani declassandoli dalla precedente valutazione di A3 e portandoli all’attuale Baa2; l’outlook, ovviamente, è stato mantenuto negativo. La notizia, fortunatamente e finalmente, non ha avuto gli effetti negativi ipotizzati sui mercati che, ormai, sembrano non dar più alcun credito alle agenzie di rating.

Il declassamento, come spiegano da Moody’s è dovuto ad una possibile influenza sull’Italia a causa della crisi che colpisce Grecia e Spagna. Il nostro Paese, secondo l’agenzia di rating, potrebbe dover sostenere un nuovo incremento dei costi di finanziamento del debito a causa della fragilità della fiducia nel mercato.

Di diverso avviso invece Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria, che afferma che in Italia l’economia reale è viva e risulterà essere più forte dei declassamenti di Moody’s: “Quella di Moody’s è una opinione. Penso che il nostro Paese, il nostro sistema manifatturiero, sia molto più forte di quello che appare dalle valutazioni di Moody’s”, ha detto Squinzi.

Non solo ipotesi contagio e costi di finanziamento, per l’agenzia di rating, a destare preoccupazione è anche “il clima politico, specialmente con l’avvicinarsi del voto della prossima primavera, fonte di un aumento dei rischi”.

Moody’s punta il dito anche su altri fattori: dal “deterioramento delle prospettive economiche nel breve termine”, al peggioramento dell’economia che, col Paese in recessione, “aumenta il peso dell’austerity e delle riforme sulla popolazione italiana”.

Questo porta le forze politiche a frenare, in qualche modo, l’azione del governo. Quest’ultimo, riconosce Moody’s, ha messo in campo “un programma di riforme che ha davvero le potenzialità per migliorare notevolmente la crescita e le prospettive di bilancio, ma ciò nonostante la recessione incombe e raggiungere gli obiettivi di risanamento dei conti resta una enorme sfida, con il pareggio di bilancio, slittato di due anni”.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

ASPETTA!

Oggi 57 nuovi studenti hanno scaricato gratuitamente la guida al trading online di 24option!

VUOI SCARICARE ANCHE TU L'EBOOK GRATIS?