Moody’s si abbatte sui titoli di Stato italiani: rating a Baa2

Pubblicato da: MatteoT - il: 13-07-2012 11:30

L’agenzia di rating Moody’s ha deciso di abbattersi nuovamente sui titoli di stato italiani declassandoli dalla precedente valutazione di A3 e portandoli all’attuale Baa2; l’outlook, ovviamente, è stato mantenuto negativo. La notizia, fortunatamente e finalmente, non ha avuto gli effetti negativi ipotizzati sui mercati che, ormai, sembrano non dar più alcun credito alle agenzie di rating.

Il declassamento, come spiegano da Moody’s è dovuto ad una possibile influenza sull’Italia a causa della crisi che colpisce Grecia e Spagna. Il nostro Paese, secondo l’agenzia di rating, potrebbe dover sostenere un nuovo incremento dei costi di finanziamento del debito a causa della fragilità della fiducia nel mercato.

Di diverso avviso invece Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria, che afferma che in Italia l’economia reale è viva e risulterà essere più forte dei declassamenti di Moody’s: “Quella di Moody’s è una opinione. Penso che il nostro Paese, il nostro sistema manifatturiero, sia molto più forte di quello che appare dalle valutazioni di Moody’s”, ha detto Squinzi.

Non solo ipotesi contagio e costi di finanziamento, per l’agenzia di rating, a destare preoccupazione è anche “il clima politico, specialmente con l’avvicinarsi del voto della prossima primavera, fonte di un aumento dei rischi”.

Moody’s punta il dito anche su altri fattori: dal “deterioramento delle prospettive economiche nel breve termine”, al peggioramento dell’economia che, col Paese in recessione, “aumenta il peso dell’austerity e delle riforme sulla popolazione italiana”.

Questo porta le forze politiche a frenare, in qualche modo, l’azione del governo. Quest’ultimo, riconosce Moody’s, ha messo in campo “un programma di riforme che ha davvero le potenzialità per migliorare notevolmente la crescita e le prospettive di bilancio, ma ciò nonostante la recessione incombe e raggiungere gli obiettivi di risanamento dei conti resta una enorme sfida, con il pareggio di bilancio, slittato di due anni”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com