Fiat: “Mercato dell’auto ai livelli del 1979. Pomigliano fermo dal 20 al 31 agosto”

Pubblicato da: MatteoT - il: 19-07-2012 10:15 Aggiornato il: 18-07-2012 15:49

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Non arrivano notizie positive dal mercato dell’auto. Fiat, annunciando il temporaneo stop dello stabilimento di Pomigliano annuncia che il mercato delle automobili “si posiziona sui livelli del 1979” e “sta penalizzando Fiat soprattutto nel segmento delle city car dove, con Panda e 500, detiene circa il 60% di quota”.

A proposito dello stabilimento di Pomigliano, Fiat ha annunciato che il distaccamento campano sarà chiuso dal 20 agosto al 31 agosto 2012 e questo comporterà la “cassa integrazione ordinaria di 2.150 lavoratori”. “La chiusura – chiarisce il Lingotto – è dovuta alla crisi”.

“I dati del mercato automobilistico europeo (-6,30 per cento nel primo semestre dell’anno) e di quello italiano in particolare (-24,4 per cento a giugno e -19,7 per cento nel primo semestre) – sottolinea Fiat in una nota – confermano che la crisi delle vendite non accenna a fermarsi“.

“L’equilibrio fra produzione e domanda – si legge nella nota – è stato realizzato con periodici ricorsi a sospensioni della produzione nei vari stabilimenti con utilizzo della cassa integrazione”.

“Per lo stabilimento di Pomigliano, in salita produttiva dall’inizio dell’anno, non era stato fino ad oggi necessario alcun intervento. Oggi, però, la situazione impone di ridurre la produzione per evitare inutili e costosi accumuli di vetture”, comunica il Lingotto. La situazione della fabbrica campana, dove si produce la Panda, sarà “oggetto di continuo monitoraggio nei prossimi mesi“.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

 

ESCLUSIVO E TESTATO!

 

Ricevi gratuitamente i segnali di Trading Central!
Segnali Forex e multi-asset + Analisi di Trading Central