Debutto Manchester United a Wall Street: attese deluse

Pubblicato da: MatteoT - il: 11-08-2012 11:12

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € ✅ Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

Quello del Manchester United a Wall Street è stato un esordio poco diabolico. I Red Devils, sbarcati ieri sul listino Usa, registrano un rialzo contenuto rispetto al prezzo di collocamento di 14 dollari per azione.

Il club inglese, viene reso noto, colloca 16,7 milioni di azioni ed ha una capitalizzazione che arriva ai 2,3 miliardi di dollari. Il prezzo di collocamento risulta inferiore rispetto al range di 16-20 dollari per azione indicato nel prospetto presentato alla Sec.

Con l’Ipo i Red Devils hanno raccolto 233,3 milioni di dollari, quasi 100 milioni in meno rispetto a quelli previsti con il collocamento al top della ‘forchetta’ prevista; questi verranno utilizzati, almeno in parte, per ripianare il debito (440 milioni di sterline) ed in altra parte alla famiglia Glazer, che ha ceduto una parte della propria quota di controllo.

I Glazer manterranno quasi il 99 per cento del controllo dei diritti di voto poiché possessori di azioni classe perché classe B che garantiscono 10 voti ogni azione mentre le azioni classe A quotate a Wall Street garantiranno solo 1 voto ciascuna.

“L’Ipo sembra un tentativo di guadagnare soldi e porta vantaggi alle tasche dei Glazer più che al club”, ha rimarcato nei giorni scorsi Micheal Jarman, chief equity strategist di Saxo Bank, che vede i proprietari dei Red Devils impegnati nel difficile compito di mediare tra la necessità di garantire un club che sia attivo sul calciomercato, in grado di competere e capace di attrarre alcuni tra i migliori giocatori del mondo.

Il prezzo dell’Ipo valuta il club britanico circa 4,6 volte i ricavi stimati per l’esercizio 2011-2012 (317,5 milioni di sterline secondo quanto contenuto nel documento di quotazione), valori decisamente più alti rispetto ad esempio a quelli della Juventus, quotata a Piazza Affari con una capitalizzazione complessiva di 195,5 mln di euro a un multiplo prezzo/ricavi di 0,5.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.