Soros: “Germania faccia di più o lasci l’Eurozona”

Pubblicato da: MatteoT - il: 10-09-2012 21:44

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Se la Germania non è pronta a prendere decisioni più incisive per sostenere le nazioni più deboli del blocco euro lasci l’Eurozona. Non usa mezzi termini il finanziarie George Soros rivolgendosi al Paese guidato da Angela Merkel.

“La Germania dovrebbe o fare da guida nello sviluppo di un percorso di crescita, di unione politica e di condivisione dei problemi, accettando il costo della leadership, oppure lasciare (l’Eurozona) attraverso un accordo amichevole”, ha detto, in un’intervista rilasciata alla televisione di Reuters, parlando da Vienna.

L’investitore, che divenne famoso scommettendo contro la sterlina nel 1992, ha aggiunto che un’Eurozona libera dalla Germania potrebbe diventare più competitiva nelle esportazioni, grazie a un euro più debole e “latino” guidato dalla Francia.

Soros, proseguendo nella sua analisi, afferma che l’Europa è di fronte ad un periodo di depressione che potrà essere anche prolungata che potrebbe portare a far venir meno l’obiettivo dell’unificazione europea.

Una soluzione è quella di farsi carico di parte dei debiti di queste nazioni. Sul piano di acquisti illimitati di bond annunciato la scorsa settimana da Mario Draghi, Soros ha ammesso che si è trattato di “una mossa incredibile”, aggiungendo però che sia la Spagna che l’Italia non faranno richiesta di aiuti.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.